Moonrise Kingdom // Wes Anderson

moonrise kingdom copertina

“Moonrise Kingdom” è un film diretto da Wes Anderson, uscito nelle sale nel 2012. Riconoscibile immediatamente per il suo stile visivo distintivo, questo film rappresenta in pieno la cifra stilistica del regista. La sceneggiatura è stata scritta da Anderson in collaborazione con Roman Coppola, ed è stata prodotta da Scott Rudin e Steven Rales. Il cast è stellare, con attori del calibro di Bruce Willis, Edward Norton, Bill Murray, Frances McDormand, Tilda Swinton, Harvey Keitel e le giovani promesse Jared Gilman e Kara Hayward nei ruoli dei protagonisti. La pellicola è stata presentata in apertura al Festival di Cannes 2012, dove ha ricevuto una calorosa accoglienza da parte della critica. Dal punto di vista dei riconoscimenti, ha ottenuto una candidatura all’Oscar per la Miglior Sceneggiatura Originale e ha vinto diversi premi, tra cui il Gotham Independent Film Award per la Miglior Filmografia e il National Board of Review Award per la Migliore Regia. Il film ha anche ottenuto un notevole successo di pubblico, incassando oltre 68 milioni di dollari in tutto il mondo, a fronte di un budget di soli 16 milioni.

La storia è ambientata nell’estate del 1965, su un’isola immaginaria chiamata New Penzance. Qui, due giovani ragazzi decidono di fuggire insieme: Sam Shakusky (Jared Gilman), un orfano e boy scout socialmente isolato, e Suzy Bishop (Kara Hayward), una ragazza inquieta con un amore per i libri e per l’avventura. I due si incontrano casualmente durante uno spettacolo scolastico e decidono di stringere un patto per scappare dalla loro realtà opprimente e cercare la libertà. La scomparsa dei ragazzi scatena una massiccia operazione di ricerca sull’isola. Il capo scout Randy Ward (Edward Norton), lo sceriffo locale Captain Sharp (Bruce Willis), e i genitori di Suzy, Walt (Bill Murray) e Laura Bishop (Frances McDormand), si mettono a caccia dei due giovani, portando con sé un caleidoscopio di emozioni e di personaggi eccentrici, tipici dell’universo cinematografico di Anderson.

La maggior parte del film è stata girata a Rhode Island, una location che ha dato vita perfettamente al mondo immaginario di New Penzance. Anderson ha scelto l’isola perché ha trovato affascinanti i piccoli paesi costieri e i suggestivi paesaggi naturali che richiamano un senso di nostalgia. I costumi del film, progettati da Kasia Walicka-Maimone, sono diventati iconici. L’uniforme da scout di Sam e gli abiti di Suzy, compresa la valigia piena di libri e il binocolo, incarnano il perfetto stile retrò anni ’60. Anderson e Coppola hanno scritto la sceneggiatura immaginando una storia che riflettesse le prime esperienze d’amore dell’adolescenza. I dialoghi dei due giovani protagonisti sono volutamente ingenui e diretti, catturando l’innocenza e la confusione tipiche di quell’età. Nel film, Anderson inserisce numerosi riferimenti alla cultura popolare e letteraria degli anni ’60, tra cui libri immaginari (creati appositamente) che Suzy legge e la colonna sonora curata da Alexandre Desplat, che mescola brani classici con la musica di Benjamin Britten.

Moonrise Kingdom non è semplicemente un film che racconta una fuga adolescenziale. È una storia di evasione e ricerca di identità, un delicato racconto di formazione in cui l’amore diventa una forza liberatrice e dirompente. Anderson usa un’estetica curata nei minimi dettagli per creare un mondo in cui la realtà si fonde con la fantasia, dove i personaggi sembrano muoversi come in un quadro vivente. Il film affronta temi profondi come l’inadeguatezza, il senso di appartenenza e la paura del rifiuto attraverso la lente di un’avventura ingenua e coraggiosa. La fuga di Sam e Suzy rappresenta il tentativo di trovare un posto dove essere se stessi, lontano dalle aspettative e dalle regole del mondo degli adulti. In un certo senso, il film di Anderson ricorda a ciascuno di noi l’importanza di trovare il proprio Moonrise Kingdom, un luogo dove sentirsi al sicuro e amati. Dal punto di vista filosofico, è un inno alla libertà individuale, alla ricerca di un senso personale della vita e al coraggio di seguire i propri sogni, anche quando il mondo intorno sembra remare contro. L’estetica unica e l’umorismo sottile fanno di questo film una piccola gemma nel panorama cinematografico moderno, un’esperienza visiva e narrativa che ci trasporta in un universo parallelo, dove l’amore e l’avventura diventano la risposta a tutte le domande.

Condividi:

© 2012-2024 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?