Migranti, l’Europarlamento approva il nuovo patto per i richiedenti asilo

migrante asilo

L’Europarlamento, riunito in plenaria a Bruxelles, ha approvato il nuovo patto per la migrazione e asilo con 322 voti favorevoli, 266 contrari e 31 astenuti. Il pacchetto comprende dieci progetti di legge che aggiornano le norme dell’Unione europea in materia e introducono il principio della solidarietà tra Stati membri. L’obiettivo è migliorare la cooperazione tra gli Stati e la risposta dell’Unione in caso di crisi. Il patto prevede una più equa ripartizione delle responsabilità e aggiorna le norme sui criteri per determinare lo Stato membro competente per l’esame di una domanda di protezione internazionale (precedentemente regolati dalla Convenzione di Dublino). Gli Stati dell’Unione potranno scegliere se trasferire i richiedenti asilo nel loro territorio, versare contributi finanziari o sostenere gli altri Stati sottoposti a maggiori pressioni migratorie.

TAJANI: APPROVAZIONE ‘PACCHETTO’ A BRUXELLES PASSO IMPORTANTE

“È un passo importante, si supera la stagione di Dublino. Era il miglior compromesso possibile e Forza Italia ha votato a favore del pacchetto. Mi sembra un risultato positivo che vede l’Europa finalmente protagonista con proposte concrete e positive per affrontare l’immigrazione legale e di chi ha diritto all’asilo. Una visione complessiva che ha permesso di fare un passo avanti e in cui l’Italia ha avuto ruolo importante, così come la mia parte politica”. Lo ha detto il vicepremier e ministro degli Esteri, Antonio Tajani, a margine dell’assemblea nazionale Cifa nel Centro congressi del Pontificio Istituto Patristico Augustinianum, a Roma, in merito all’approvazione da parte del Parlamento europeo dei dieci testi legislativi del ‘pacchetto migranti’ per riformare la politica europea in materia di migrazione e asilo.

PATTO UE, 161 ONG: NON FERMERÀ LE MORTI IN MARE

Le morti nel Mediterraneo continueranno e migliaia saranno private dei loro diritti nei prossimi decenni. Con la riforma, l’Ue legalizza le violazioni dei diritti umani alle frontiere esterne”. Questa la posizione di Giulia Messmer, portavoce di Sea-Watch, sull’approvazione da parte del Parlamento europeo del nuovo patto per la migrazione. In una nota Sea-Watch ricorda di aver sottoscritto un appello insieme ad altre 160 organizzazioni della società civile, in cui si chiedeva ai parlamentari di votare contro la proposta, in quanto conterrebbe diverse criticità. Tra queste, le organizzazioni denunciano la detenzione di fatto alle frontiere anche di famiglie con bambini di tutte le età, procedure accelerate e inferiori agli standard per la valutazione delle richieste di asilo, tendenza a favorire procedure di rimpatrio anche per via dell’ampliamento dell’accezione del principio di “paese terzo sicuro”.

Inoltre, in assenza di percorsi sicuri e regolari, le organizzazioni avvertono che “le persone in cerca di sicurezza o mezzi di sostentamento saranno costrette a intraprendere rotte sempre più pericolose, tanto che il 2023 si è configurato come l’anno più mortale mai registrato dal 2015: solo nel Mediterraneo, sono morte più di 2.500 persone”. Infine, si avverte che il Patto “rappresenta un ulteriore passo avanti nell’uso delle nuove tecnologie per la sorveglianza di massa dei migranti e delle persone razzializzate, poiché tecnologie più intrusive verranno impiegate alle frontiere e nei centri di detenzione, i dati personali delle persone verranno raccolti in blocco e scambiati tra le forze di polizia in tutta l’Ue o l’identificazione biometrica i sistemi saranno utilizzati per tracciare i movimenti delle persone e aumentare il controllo dei migranti privi di documenti”.

fonte: AgenziaDIRE.it

Condividi:

© 2012-2024 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?