Take a look around: 25/31 marzo

eventi25-31marzo

Gli eventi segnalati dal nostro blog nella settimana dal 25 al 31 marzo a Roma e dintorni.

26 marzo : Affetti, Linguaggio, Rivoluzione // Esc Atelier

AFFETTI, LINGUAGGIO, RIVOLUZIONE
Una conversazione con Brigitte Vasallo in dialogo con Isabella Borrelli e Giusi Palomba
La serata è frutto della collaborazione tra Libreria Antigone Roma, Esc Atelier, Tamu Edizioni e effequ.
Ingresso: libero fino a esaurimento posti. SI INIZIA PUNTUALI!

Nel testo “Per una rivoluzione degli affetti”, Brigitte Vasallo ci mostra la pervasività di un sistema escludente anche in ambito relazionale, mostrando come la monogamia sia un costrutto figlio dell’occidente capitalista, e piuttosto recente oltre che distruttivo, e invitando chi legge a trovare nuove forme di praticare relazioni affettive, amorose o meno. Lo stesso sguardo disincantato e critico attraversa “Linguaggio inclusivo ed esclusione di classe”, dove si esplorano i limiti di un approccio che cerca facili soluzioni al problema del linguaggio che universalizza ed esclude, mostrandoci le difficoltà di una vera contro-egemonia all’interno del sistema in cui viviamo.
Quali rinunce in termini di autenticità e dissidenza sono imposte a chi tenta di accedere alla produzione culturale a partire da condizioni di povertà e oppressione? È davvero possibile prendere parola senza che il pensiero universalista basato sul binarismo riduca a “subalterno” ciò che vorrebbe essere divergente?

Esc Atelier
Via dei Volsci, 159 – Roma

27 marzo : Mostra Rino Gaetano // Museo Trastevere

Mercoledì 27 marzo 2024, nel Chiostro del Museo di Roma in Trastevere, continuano i concerti nell’ambito della mostra dedicata a Rino Gaetano. Questo omaggio al grande cantautore, che ha segnato un’epoca nella musica italiana, offre ai visitatori un’esperienza unica e speciale per scoprire la forza della sua musica.
Nel terzo appuntamento, alle ore 18.00, con Alessandro Gaetano e Diana Tejera

In caso di maltempo le performance si svolgono nella Sala Multimediale.

Museo di Roma in Trastevere
Piazza S.Egidio, 1/b – Roma

28 marzo : Presentazione “Vocabolario del romanesco contemporaneo” // Biblioteca De Mauro

Giovedì 28 marzo alle ore 17.30, si terrà in Biblioteca la presentazione del “Vocabolario del romanesco contemporaneo. Le parole del dialetto e dell’italiano di Roma” di Claudio Giovanardi e Paolo D’Achille (Newton Compton Editori 2023). Interverranno Paolo D’Achille, Claudio Giovanardi e Kevin De Vecchis.

I dialetti, come le lingue, sono in continua evoluzione, in particolare per quanto riguarda il lessico, sottoposto da un lato all’influsso della lingua nazionale e sottoposto dall’altro al rinnovamento promosso dalle giovani generazioni. Il Vocabolario del romanesco contemporaneo intende offrire una fotografia, il più possibile rappresentativa, del lessico del dialetto e dell’italiano regionale romano, così come si è venuto assestando nel corso del Novecento e nei primi decenni del Duemila. Fondato su basi rigorosamente scientifiche, presenta un insieme letteralmente bicicciato tra le parole provenienti dalla tradizione (sopravvissute fino a oggi) e le parole nuove, rilanciate in buona parte dal linguaggio giovanile, ma anche dai lessici specialistici e dai gergi contemporanei. Il Vocabolario del romanesco contemporaneo è rivolto tanto agli specialisti del settore quanto agli appassionati del dialetto di Roma e costituisce un repertorio ricco, aggiornato e di facile consultazione.

Paolo D’Achille (Roma, 1955) è Presidente dell’Accademia della Crusca e Professore ordinario di Linguistica italiana all’Università Roma Tre.
Claudio Giovanardi (Roma, 1954) è membro dell’Accademia della Crusca e Professore ordinario di Linguistica italiana e Storia della lingua italiana all’Università Roma Tre.
Kevin De Vecchis (Roma, 1993) è membro del Servizio di Consulenza linguistica dell’Accademia della Crusca e Ricercatore in linguistica italiana all’Università di Pisa.

Ingresso libero fino a esaurimento posti.

Biblioteca Tullio De Mauro
Via Tiburtina, 113 – Roma

29 marzo : Mostra Ukiyoe // Palazzo Braschi

Mostra “UKIYOE: Il Mondo Fluttuante, visioni dal Giappone” presso Palazzo Braschi – Museo di Roma
Venerdì 29 marzo ore 16,30
Centocinquanta capolavori dell’arte giapponese di epoca Edo, tra il Seicento e l’Ottocento, i più importanti maestri dell’Ukiyoe, oltre 30 artisti, di questa tecnica incredibile che ha trasformato definitivamente il mondo dell’arte visiva orientale, espandendosi poi ovunque. Questa virale e progressiva diffusione di immagini e libri, permise una produzione in serie, che fu confortata dal grande talento degli artisti ingaggiati per la realizzazione: pittori, intagliatori, stampatori, calligrafi, che lavoravano in atelier sotto la direzione di un editore il quale sosteneva economicamente il progetto. Nessuna parte della società giapponese del tempo ne fu esclusa, perchè l’ukiyoe è una testimonianza diretta degli usi e dei costumi di allora, delle mode da indossare, dei luoghi naturali e delle vedute urbane più ricercate, del teatro kabuki fino alla bellezza seducente e misteriosa di cortigiane e geisha. Il mondo della donna giapponese però si esprime anche potentemente come impegno artistico e sociale: la pittura, la calligrafia, il gioco da tavolo di strategia, la poesia e la musica, considerate discipline chiave per la formazione di una persona colta, sono prevalentemente al femminile. La musica, la danza, i giochi i passatempi, tutto contribuisce a ricreare un ambiente piacevole, educativo e quasi all’avanguardia. Tutto è fluido, dai tessuti, ai colori, alle sfumature, alle forme….
Al di fuori delle grandi città, immaginando di attraversare ponti e vallate, ci si affaccia su quel mondo naturale straordinario del Giappone: montagne, vulcani, i ciliegi in fiore, paesaggi, il mare in tutte le sue caratteristiche… su tutte l’immagine-capolavoro, icona della mostra: la Grande Onda di Kanagawa.
Guida: Dr.ssa Isabella Carlizzi
Info e prenotazioni al 3791729526 – posti limitati

Palazzo Braschi
Via di San Pantaleo, 9 – Roma

30 marzo : Roma Slow Tour // Tor Pignattara

Negli ultimi anni Tor Pignattara, il quartiere multietnico della Capitale per eccellenza, si è trasformata in un vero e proprio museo a cielo aperto grazie agli interventi artistici curati dalla Galleria Wunderkammern, dalla Galleria Varsi e Mu.Ro.: artisti di fama internazionale hanno dialogato con il quartiere e con i suoi muri, cambiandone il suo volto.
Con il nostro slowtour andremo a scovare le opere murarie più importanti, ma non parleremo solo di street art!
Racconteremo l’origine e la storia del quartiere, ne seguiremo le evoluzioni urbanistiche ed il ruolo fondamentale avuto durante la lotta di Resistenza, ne scopriremo le importanti rilevanze archeologiche tra cui l’Acquedotto Alessandrino e il Mausoleo di Sant’Elena, le cui ‘pignatte’ hanno dato nome all’area.
Non mancheranno, infine, gli innumerevoli set cinematografici che affollano il quartiere, da Monicelli a Pasolini fino ad arrivare a Claudio Caligari e Francesca Archibugi.
Quando: Sabato 30 marzo ore 10.00

30 marzo : Cisco “Riportando tutto a casa tour” // CrossRoads Live Club

Tappa al CrossRoads Live Music Club di Roma per Cisco “Riportando Tutto a Casa Tour – Trent’anni dopo”, tour celebrativo del trentennale disco d’esordio dei Modena City Ramblers.
Era uno dei primi giorni di marzo del 1994, quando l’etichetta indipendente romana “Helter Skelter” pubblicò per la prima volta il lavoro di una band fino ad allora praticamente sconosciuta. Il disco di chiamava “Riportando Tutto A Casa”, la band “Modena City Ramblers” un ensemble di amici delle province di Modena e Reggio Emilia, che si rifaceva al folk tradizionale irlandese ed emiliano, con influenze dylaniane e un’impronta fortemente punk-acustica, ispirata ai loro tanto amati Pogues di Shane McGowan. Il loro cantante, coinvolgente e carismatico Stefano “Cisco” Bellotti, che da anni ha intrapreso una sua lunga carriera da solista di successo, nell’ottobre del 2021, chiude il cerchio di quel disco scrivendo il brano omonimo “Riportando tutto a casa”, canzone che diventa simbolo della coerenza e del percorso di questo artista. Oggi, Cisco decide di celebrare il trentennale di quel lavoro ritornando sui palchi d’Italia nello stesso mese delle “Feste di San Patrizio” che così tanto hanno ispirato l’artista e la band. Lo fa con una scaletta speciale attingendo a piene mani dal disco omonimo, supportato da una formazione esclusiva: sarà accompagnato dalla sua band e da amici storici di lunga data che tanto hanno dato al suono e alla creazione dei primi MCR.

CrossRoads Live Club
Via Braccianense, 771 – Roma

Redazione

– Hai un evento o un’iniziativa anche online da segnalarci? Scrivici a redazione@virgoletteblog.it oppure clicca qui –

Condividi:

© 2012-2024 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?