“Non abbiamo paura”: a Mosca folla per i funerali di Navalny

funerali navalny

Tu non avevi paura, anche noi non abbiamo paura“: parole ritmate da centinaia di persone che si sono riunite all’esterno della chiesa di Mosca dove si sono tenute oggi le esequie di Alexei Navalny, l’oppositore russo morto in carcere due settimane fa. Immagini e video della partecipazione in strada di fronte al luogo di culto sono stati diffusi dai collaboratori della sua Fondazione anti-corruzione.
Il corpo di Navalny, deceduto in un penitenziario siberiano in circostanze da accertare, sulle quali sono state date versioni differenti, è stato poi portato al cimitero di Borisov.

Al funerale di Navalny i grandi assenti erano proprio i suoi familiari più stretti: Yulia, la moglie con i figli, non ha potuto partecipare. Presenti solo la mamma Liudmila e il papà Anatoly. La moglie ha voluto lasciargli comunque un messaggio in un video postato sui social: “Lyosha, grazie per questi 26 anni di assoluta felicità. Sì, anche per gli ultimi tre anni di felicità. Per il tuo amore, per avermi sempre sostenuto, per avermi fatto ridere anche dal carcere, per il fatto che mi hai sempre pensato. Non so come vivere senza di te, ma cercherò di renderti lassù felice per me e orgoglioso di me. Non so se riuscirò a sopportarlo oppure no, ma ci proverò. Ci incontreremo sicuramente un giorno. Per te ho così tante storie non raccontate, ho così tante canzoni salvate sul mio telefono. E avrei davvero voluto vederti ascoltarle, ridere e poi abbracciarmi. Ti amerò per sempre. Riposa in pace”..

Ovd Info, un’organizzazione non governativa che sottolinea di battersi per i diritti umani, ha rilanciato stamane le foto di un manifesto affisso presso il cancello del camposanto: cimitero chiuso oggi ai visitatori. Un’informazione, questa, poi smentita dall’amministrazione del luogo. In Russia questo mese sono previste elezioni presidenziali. Scontato, secondo la gran parte degli osservatori, un nuovo mandato per il capo di Stato Vladimir Putin.

fonte: AgenziaDIRE.it

Condividi:

© 2012-2024 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?