Raid Usa su Iraq e Siria, “colpiti 85 obiettivi legati all’Iran”

raid usa siria iraq

Almeno 85 obiettivi” collegati ad attività dei Corpi delle Guardie della rivoluzione islamica iraniana sono stati colpiti in raid aerei condotti dagli Stati Uniti in Iraq e in Siria: lo ha riferito lo US Central Command, il Comando centrale delle forze americane.

LA “RISPOSTA” È PARTITA DOPO LE BOMBE SU BASE USA IN GIORDANIA

In una sua comunicazione si riferisce che l’operazione è partita ieri a seguito dell’uccisione di tre soldati durante un bombardamento con drone su una base statunitense in Giordania.
La nostra risposta è cominciata” ha detto ieri sera il presidente americano, Joe Biden. “Continuerà quando e dove vorremo”.

L BOMBARDAMENTO IN GIORDANIA RIVENDICATO DA GRUPPO ‘RESISTENZA ISLAMICA”

Secondo il Central Command, a compiere i raid sono stati “molti aerei, compresi bombardieri strategici a lungo raggio partiti dagli Stati Uniti”. Colpiti, stando a questa versione, centri di comando e controllo, basi di intelligence, magazzini di armi e altre strutture legate a milizie o unità della Forza Quads, un corpo di elite delle Guardie rivoluzionarie di Teheran. Il bombardamento in Giordania era stato rivendicato da un gruppo denominato Resistenza islamica in Iraq.

Dopo i raid di ieri, i media di Stato siriani hanno denunciato “un’aggressione americana” che ha provocato morti e feriti. A protestare anche l’Iraq, attraverso il portavoce militare Yahya Rasool, citato anche dall’emittente Al Jazeera. “Questi raid aerei”, ha denunciato l’ufficiale, “costituiscono una violazione della sovranità dell’Iraq e pongono una minaccia che potrebbe avere conseguenze nefaste per l’Iraq e per la regione”.

fonte: AgenziaDIRE.it

Condividi:

© 2012-2024 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?