Curiosità e aneddoti dal mondo dei giochi

mondo dei giochi

Giocare piace a tutti, al di là del tipo di passatempo e della modalità con cui ci si dedica a questa attività, e non è un caso che proprio il mondo dei giochi sia uno dei più seguiti di sempre. Nel corso dei decenni, oltre alla mera attività ludica, questo ricco universo è stato interessato da diverse storie affascinanti, curiosità storiche a fatti divertenti che hanno segnato il settore. Eccone alcuni molto interessanti che forse non tutti conoscono.

La nascita casuale del Monopoly

Il Monopoly è senza dubbio uno dei giochi da tavolo più conosciuti e amati, un passatempo che è riuscito ad attraversare i decenni e ad unire intere generazioni di appassionati dapprima nella sua versione fisica e poi anche in quella digitale. Ciò che non tutti sanno, però, è che la nascita di questo celebre titolo è legata a tutt’altra invenzione.

Il famoso gioco, infatti, non è stato originariamente concepito come un intrattenimento familiare ma deve le sue origini a Elizabeth Magie Phillips, una donna americana, e al suo “The Landlord’s Game” negli anni ’30, creato per illustrare i problemi legati alla ricchezza terriera concentrata. Solo da questa idea si è arrivati successivamente al Monopoly così come lo conosciamo oggi, grazie all’intuito di Charles Darrow, che ha tratto ispirazione dall’iniziativa della Phillips per dare vita a uno dei titoli più giocati al mondo.

Le origini del Play-Doh

Un altro brand di grande successo è Play-Doh, nome che oggi tutti abbiniamo a una delle più famose paste modellabili. In realtà, inizialmente questo prodotto era ben lontano dal settore ludico, essendo stato creato come soluzione per pulire le carte da parati negli anni ’30.

Solo negli anni ’50, da un’intuizione a dir poco geniale, la stessa pasta è stata ripensata come giocattolo creativo, diventando un elemento fondamentale nel mondo dei giochi.

Carte da gioco Nintendo

Il nome “Nintendo” ha un significato molto intrigante, traducibile come: “lascia che il destino decida”. E forse proprio il destino ha voluto che un’azienda produttrice di carte da gioco, si ritrovasse successivamente a diventare un vero e proprio simbolo dell’innovazione tecnologica.

Il famoso brand giapponese si afferma, infatti, inizialmente proprio nel settore delle carte, mantenendo poi il suo nome anche quando ha ampliato il suo campo di azione nell’industria dell’intrattenimento, divenendo ben presto uno dei marchi leader a livello mondiale nel campo dei videogame.

gameboy

Il videogioco più venduto di tutti i tempi

Un’altra curiosità molto interessante è quella relativa ai dati di vendita dei videogame nel corso della storia. Fino a pochi mesi fa, il titolo era saldamente nelle mani del Tetris, il gioco simbolo dell’ascesa del settore, creato dal programmatore russo Alexey Pajitnov nel 1984.

Sembrerebbe tuttavia, secondo stime recenti, che il record sia stato superato di recente dal ben più moderno Minecraft, che anche secondo Wikipedia ha spodestato Tetris e si è collocato in cima alla classifica dei giochi più venduti di sempre. Va anche detto, però, che i dati forniti dalle diverse fonti riguardo allo storico gioco russo sono piuttosto variabili e non c’è una reale certezza sul numero di copie (si parla di un range che va dai 100 ai 425 milioni di unità) vendute in questi 40 anni.

Le stranezze dal mondo dei casino

Se si parla di aneddoti e curiosità, non si può non fare un salto anche nell’incredibile mondo dei casino. Le sale giochi sono state, infatti, nel corso dei decenni, teatro di tante storie particolari, tra vincite record e altri eventi che vengono ricordati e raccontati ancora oggi, anche nell’era delle piattaforme di casino digitali e dei giochi raggiungibili comodamente tramite PC e smartphone.

Una delle più particolari, è per esempio quella dello Sconosciuto Scalzo, un uomo che, secondo i racconti, sarebbe entrato nel Treasure Island di Las Vegas vestito male e senza scarpe, ma con un cospicuo assegno da cambiare per giocare al blackjack. Qui il misterioso uomo avrebbe vinto ben 60mila dollari il primo giorno e circa un milione e mezzo nel corso della successiva settimana. L’identità rimane sconosciuta, ma leggenda vuole che il sogno dell’uomo sia presto finito con la perdita di tutti i guadagni.

Questi aneddoti rappresentano solo una piccola parte delle incredibili storie che circondano il vasto universo dei giochi, dimostrando che attorno ai passatempi c’è ben altro che la semplice attività ludica. Intuizioni geniali, lavoro duro e fortuna permeano i vari racconti trasformando il concetto stesso di gioco in una metafora della vita.

Condividi:

© 2012-2024 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?