I potenziali protagonisti dell’estrema destra nelle elezioni polacche

elezioni polonia bandiere

Le elezioni generali del mese prossimo in Polonia potrebbero essere decise da un partito di estrema destra che attira gli elettori con visioni libertariane di un futuro a bassa tassazione, distribuendo denaro finto durante i comizi. Tuttavia, le dichiarazioni passate del partito trasmettono un messaggio molto più oscuro.

Il programma elettorale del partito Confederazione ricorda una versione “Mad Men” dell’America degli anni ’50.

“Un barbecue, una famiglia, una casa, due auto, una Polonia sicura e priva di immigrati, libera impresa e un paese che permetta ad ogni polacco lavoratore di avere successo”, ha detto Michał Urbaniak, leader del partito nella città settentrionale di Gdańsk.

Rovesciare lo status quo dovrebbe avvenire deregolamentando la vita quanto più possibile, afferma la Confederazione nel suo manifesto intitolato “La Costituzione della Libertà”. Un messaggio che si prefigge di attirare non solo una vecchia guardia di ultraconservatori, ma anche una più giovane generazione di libertariani, inclusi gli studenti.

Il partito propone di semplificare e ridurre le tasse, rendere il sistema sanitario dipendente dalla “competizione di mercato” fornendo alle persone un buono annuale del valore di 4.000 złoty (€895) e di utilizzare frequentemente il veto nelle negoziazioni dell’UE per frenare quella che il partito definisce l’insaziabile voglia di Bruxelles di espandere i suoi poteri, imponendo una “politica climatica ideologica”.

La Confederazione vuole liberalizzare l’accesso alle armi da fuoco e vietare l’aborto, anche in caso di stupro. Il partito si lamenta anche del peso imposto alla Polonia da milioni di ucraini in fuga dalla guerra e chiede che Kyiv renda conto dei massacri di polacchi perpetrati da guerriglieri ucraini durante la guerra.

Fondamentalmente, la Confederazione promette di rompere con i due partiti che hanno dominato la politica polacca per più di due decenni: il partito nazionalista Legge e Giustizia (PiS) attualmente al potere, guidato da Jarosław Kaczyński, e la coalizione civica liberal guidata dall’ex Primo Ministro Donald Tusk.

Fratelli della Fraternità

“La Confederazione si è a lungo posizionata come una forza anti-establishment, promettendo di sovvertire la politica polacca e sfidare lo status quo”, ha detto Jakub Jaraczewski, coordinatore della ricerca per Democracy Reporting International, un’ONG con sede a Berlino.

Un messaggio che sembra trovare riscontro tra gli elettori.

Nel sondaggio Poll of Polls di POLITICO, la Confederazione è al terzo posto con il 11% di sostegno, dietro i due partiti più anziani. Con il partito PiS attualmente al 38%, sorge spontanea una domanda: potrà o vorrà stringere un accordo con la Confederazione per mantenere il potere?

La Confederazione stessa, un raggruppamento di piccole realtà di estrema destra, porta con sé molto bagaglio che potrebbe limitarne ulteriore crescita.

Quando si presentò per la prima volta alle elezioni del 2019 per il Parlamento europeo, il leader del partito Sławomir Mentzen delineò un programma in cinque punti: “Non vogliamo ebrei, omosessuali, aborti, tasse e Unione Europea.”

Da allora ha cercato di prendere le distanze da quelle dichiarazioni.

Uno dei candidati del partito, Ryszard Zajączkowski, professore universitario, ha affermato che i polacchi furono soggetti a “genocidio” per mano di ebrei che collaboravano con i comunisti dopo la guerra e ha detto che il comunismo è molto peggiore del fascismo: “Rispetto al quale il campo di Auschwitz potrebbe essere chiamato un campo vacanze”.

Sebbene la maggior parte dei leader del partito siano giovani libertariani dall’aria pulita e da politici universitari, hanno anche membri con una carriera più lunga.

Janusz Korwin-Mikke, ex membro dell’Europarlamento di 80 anni che ora si candida per il partito nella regione di Varsavia, è noto per aver fatto dichiarazioni folli sulle donne.

Uno dei suoi aforismi: “Sono contro il diritto di voto per le donne. È biologia. Una donna all’età di 55 anni, quando gli estrogeni smettono di funzionare, raggiunge l’età in cui può finalmente votare”.

Quell’atmosfera di discussioni filosofiche da birreria pervade il partito, ma comporta rischi mentre la Confederazione cerca un appello più mainstream.

Natalia Jabłońska è stata eliminata dalla lista elettorale dopo che le sue precedenti riflessioni sul fatto che non fossero necessarie leggi che vietassero il macello di cani per cibo si sono trasformate in un imbarazzo per il partito.

Ma le sue visioni sono sostenute dall’ex europarlamentare e attuale deputato Dobromir Sośnierz, che ha notato: “Un cane non è in alcun modo migliore di una mucca.”

Il programma economico del partito è stato duramente attaccato dall’economista e politico liberale Ryszard Petru, che ha tenuto una serie di dibattiti con i membri della Confederazione smontando la praticità delle loro idee.

“Si nascondono dietro una forma leggera di liberalismo… ma quando si va più in profondità si scopre che è vuoto, o altrimenti uno scherzo, o non quello che era inteso, o non è stato calcolato”, ha detto Petru.

L’attenzione sembra avere un impatto sulla popolarità del partito. Il sostegno alla Confederazione è sceso dal 14% di luglio e un recente sondaggio polacco di United Surveys ha registrato il partito con il 7,8% di sostegno.

Kingmakers

Per ora, la Confederazione potrebbe giocare un ruolo chiave nell’esito delle elezioni. Legge e Giustizia cerca un terzo mandato senza precedenti; sebbene sia al primo posto nei sondaggi, il partito è ancora lontano dalla maggioranza assoluta.

Se il PiS non riesce a formare un governo da solo, una coalizione con la Confederazione sembra un’opzione plausibile.

Ma esistono anche altre possibilità. Le “coppie a doppio reddito senza figli” potrebbero essere attirate dalla visione libertaria del partito, ha detto Grzegorz Makowski, ricercatore del Centro per il Monitoraggio della Qualità della Democrazia dell’Università di Varsavia.

Inoltre, i sondaggi mostrano che il 40% dei sostenitori della Confederazione ha meno di 40 anni, e un quarto di loro ha meno di 24 anni, ciò indica una base significativa di elettori giovani.

Quindi, sebbene i politici più anziani della Confederazione abbiano una lunga lista di dichiarazioni che vanno da quelle strane a quelle orribili, l’energia giovanile potrebbe dare al partito una forte spinta in avanti.

Il destino della Confederazione sarà determinato non solo dalla loro capacità di attirare gli elettori giovani, ma anche dalla loro abilità nel mantenere un messaggio coerente e bilanciato che possa attrarre una gamma più ampia di elettori.

link all’articolo originale: POLITICO.eu

Condividi:

© 2012-2024 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?