Putin ha cercato di proiettare forza, ma la parata del Giorno della Vittoria di Mosca ha rivelato solo il suo isolamento

putin 9 maggio

Per il presidente russo Vladimir Putin, la parata del Giorno della Vittoria di quest’anno nella Piazza Rossa è stata un’occasione per continuare la sua guerra alla storia, ma in realtà è riuscita solo a sottolineare il suo isolamento geopolitico.

In un discorso davanti alle truppe riunite, Putin ha tracciato una linea diretta tra la sua invasione dell’Ucraina e i sacrifici della seconda guerra mondiale. Affiancato dai veterani sopravvissuti di quella che la Russia chiama ancora la Grande Guerra Patriottica, il presidente russo si è proposto come salvatore e difensore di una Russia sotto assedio presa di mira dalle “élite globaliste” dell’Occidente.

“Oggi, la civiltà è di nuovo a un punto di rottura”, ha detto Putin. “Ancora una volta, una vera guerra è stata scatenata contro la nostra patria”. Mentre la Russia non vede “nessuna nazione ostile in Occidente o in Oriente”, Putin ha suggerito che forze più oscure stanno cospirando contro Mosca.

“Le élite globaliste occidentali parlano ancora del loro eccezionalismo, mettendo le persone l’una contro l’altra e dividendo la società, provocando sanguinosi conflitti e colpi di stato, seminando odio, russofobia e un nazionalismo aggressivo”, ha affermato. “La nazione ucraina è diventata ostaggio di un colpo di stato che ha portato a un regime criminale guidato dai suoi padroni occidentali. È diventata una pedina per i loro piani crudeli ed egoistici”.

Vale la pena disimballarlo per un momento. È opinione di lunga data di Putin che l’Ucraina non sia una nazione legittima: ucraini e russi, a suo avviso, sono “un solo popolo” e lo stato ucraino è una costruzione artificiale. Nella sua visione cospiratoria del mondo, stati come l’Ucraina sono semplicemente vassalli e Washington ordina i colpi. E se un’oscura cabala globale sta tirando i fili a Kiev, questa convinzione giustifica quella che la Russia chiama la sua “operazione militare speciale” in Ucraina.

Ricordiamoci che è stata una vera e propria rivolta popolare – non, diciamo, la CIA o George Soros – che ha portato la gente in piazza Maidan a Kiev per sostenere le aspirazioni dell’Ucraina per l’adesione all’Unione Europea , portando alla cacciata del presidente filo-russo dell’Ucraina nel 2014. E che anche gli ucraini di lingua russa – e persino alcuni cittadini russi – stanno combattendo e morendo dalla parte dell’Ucraina.

Ma Putin è immune da esercizi di verifica dei fatti. Il ricordo collettivo della seconda guerra mondiale è la cosa più vicina che la Russia abbia ad una religione di stato, e il 9 maggio – quando i russi commemorano la vittoria sulla Germania nazista nel 1945 – segna il giorno più sacro. Per un pubblico domestico, la parata del Giorno della Vittoria offre un parallelo visivo tra i veterani della guerra che si è conclusa 78 anni fa e i partecipanti alla guerra della Russia contro l’Ucraina oggi.

Secondo i media statali, oltre 500 partecipanti alla cosiddetta “operazione militare speciale” della Russia in Ucraina hanno preso parte alla parata sulla Piazza Rossa martedì. E nel suo discorso, Putin li ha scelti come gli eredi della vittoria nella Grande Guerra Patriottica. Non sorprende che gli ucraini si stiano opponendo a tale storico gaslighting.

Nelle osservazioni video, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato di aver presentato un disegno di legge alla Verkhovna Rada, il parlamento ucraino, per modificare le celebrazioni ufficiali del giorno della vittoria dal 9 maggio all’8 maggio, e ha paragonato l’aggressione della Russia a quella della Germania di Hitler.

“È l’8 maggio che la maggior parte delle nazioni del mondo ricorda la grandezza della vittoria sui nazisti”, ha detto Zelensky. “Non permetteremo che la vittoria congiunta delle nazioni della coalizione anti-Hitler sia appropriata e non permetteremo bugie come se la vittoria potesse aver luogo senza la partecipazione di alcun paese o nazione”.

Zelensky ha anche ospitato un’importante visitatrice a Kiev lo stesso giorno della parata del Giorno della Vittoria di Putin: la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, che è arrivata promettendo il continuo sostegno dell’Europa all’Ucraina.

“L’Ucraina è in prima linea nella difesa di tutto ciò che noi europei amiamo: la nostra libertà, la nostra democrazia, la nostra libertà di pensiero e di parola”, ha detto von der Leyen. “Con coraggio l’Ucraina sta combattendo per gli ideali dell’Europa che celebriamo oggi. In Russia, Putin e il suo regime hanno distrutto questi valori. E ora stanno tentando di distruggerli qui in Ucraina perché hanno paura del successo che rappresenti e dell’esempio che mostri, e hanno paura del tuo cammino verso l’Unione Europea”.

E nella sua conferenza stampa congiunta con von der Leyen, Zelensky è stato in grado di parlare un po’ sulla parata del Giorno della Vittoria di Putin, notando i progressi costosi e incrementali della Russia sul campo di battaglia.

“Loro [i russi] non sono stati in grado di catturare Bakhmut”, ha detto, riferendosi alla città ucraina orientale assediata e ampiamente danneggiata. “Questa era l’ultima importante operazione militare che volevano completare entro il 9 maggio. E purtroppo la città non esiste più. Tutto è completamente distrutto. … Quindi, hanno bisogno di alcune informazioni per presentarlo come una vittoria di cui hanno bisogno per conquistare qualcosa – una città – [ma] non sono riusciti a farlo”.

Le celebrazioni annuali del Giorno della Vittoria in Russia dovrebbero essere un grande spettacolo pubblico sposato con una pubblicità per il potere statale. La parata di quest’anno ha messo in mostra parte della potenza militare russa – con il suo sistema di difesa aerea S-400 e i lanciamissili balistici intercontinentali Yars, parte dell’arsenale nucleare di Mosca – ma una massiccia processione di carri armati moderni, l’orgoglio dell’esercito russo, era vistosamente assente.

E la visita di von der Leyen a Kiev ha evidenziato l’isolamento di Putin dall’Europa e dall’Occidente. Tra i visitatori di più alto profilo presenti alle celebrazioni del Giorno della Vittoria di Putin c’erano un presidente sanzionato dall’UE (Alexander Lukashenko della Bielorussia), un uomo forte dell’Asia centrale (Emomali Rahmon del Tagikistan) e il leader dinastico di un petro-stato (Serdar Berdymukhamedov del Turkmenistan ).

Sui campi di battaglia dell’Ucraina, le battute d’arresto inflitte alle forze russe nel tritacarne di Bakhmut non potrebbero essere in netto contrasto con lo sfarzo e le circostanze sulla Piazza Rossa. Questo fatto è stato fatto da Yevgeny Prigozhin, il capo del gruppo mercenario russo Wagner, che ha inveito sui social media contro la leadership militare russa. “Oggi [gli ucraini] stanno facendo a pezzi i fianchi in direzione Artemovsk [il nome russo di Bakhmut], raggruppandosi a Zaporizhzhia. E sta per iniziare una controffensiva”, ha detto martedì sui social media. “Dicono assolutamente chiaramente che la controffensiva sarà sul campo, non in TV”. Il Giorno della Vittoria, ha aggiunto Prigozhin, apparteneva ad una generazione passata. “Il Giorno della Vittoria è la vittoria dei nostri nonni”, ha detto. “Non abbiamo guadagnato quella vittoria di un millimetro.”

link all’articolo originale: CNN.com

Condividi:

© 2012-2024 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?