Diffondere i gesti gentili: siglata intesa tra Napoli e Foggia capitali della Gentilezza 2024

capitali gentilezza 2024

“Siamo contenti di partecipare a questa iniziativa perché riteniamo che, soprattutto nei due territori che si sono aggiudicati il titolo, dove spesso prevarica la cultura della violenza e della sopraffazione, sia importante promuovere il valore della gentilezza come strumento per migliorare la vita quotidiana delle persone. Come amministrazione stiamo già mettendo in campo tante iniziative, a favore dei bambini e degli studenti, delle donne in gravidanza e delle mamme, degli anziani, di tutte quei soggetti che hanno maggiore bisogno di ‘gentilezza’ e, grazie a questo titolo, continueremo non solo a farne, ma anche e soprattutto a diffonderne la cultura”. Lo ha detto Ilaria Abagnale, consigliera delegata alle Pari opportunità della Città Metropolitana e sindaca di Sant’Antonio Abate, in occasione della firma stamattina nella Sala Cirillo della sede della Città Metropolitana di Napoli, del protocollo d’intesa tra le Terre del Vesuvio e della Capitanata a cui è andato il titolo di Capitale Nazionale di Costruiamo Gentilezza 2024.

La firma è avvenuta tra le associazioni promotrici, la ‘Don Pietro Ottena‘ di Torre Annunziata e la ‘Gentilezza è Cultura‘ di San Severo, in provincia di Foggia, e dei 22 Comuni aderenti, ovvero Boscotrecase, Boscoreale, Striano, Torre Annunziata, Poggiomarino, Pompei, Sant’Antonio Abate, Casoria, Terzigno e Trecase (per le Terre del Vesuvio) e Apricena, Casalnuovo Monterotaro, Casalvecchio di Puglia, Castelnuovo della Daunia, Chieuti, Lesina, San Marco la Catola, San Paolo di Civitate, San Severo, San Nicandro Garganico, Torremaggiore, Troia (per le Terre della Capitanata, nel foggiano).

“UNA RETE DI COMUNI GENTILI CHE VOGLIONO DIFFONDERE LA GENTILEZZA”

“Diamo vita – ha spiegato Arcangela De Vivo dell’associazione Gentilezza è Cultura di San Severo – ad una rete di Comuni gentili che si uniscono per diffondere la cultura della gentilezza. Per prima cosa faremo formazione in vari settori, dalle insegnanti agli amministratori ai semplici cittadini. Questo perché se non si hanno le competenze adatte non si può operare ed agire nel modo giusto”.

IL PROGETTO ‘COSTRUIAMO GENTILEZZA’

L’obiettivo del Progetto ‘Costruiamo Gentilezza’ è far sì che la capacità di costruire pratiche gentili per il bene comune diventi un’abitudine diffusa, mettendo al centro della comunità bambini e ragazzi e, attraverso i ‘costruttori di gentilezza’ che fungono da attivatori sociali (assessori, insegnanti, allenatori, medici pediatri, volontari, imprenditori, che oggi sono 1.800 in tutta Italia), generare e costruire pratiche gentili a costo zero o quasi, per accrescere il benessere dei cittadini impiegando fantasia, creatività, immaginazione e gentilezza.

Il territorio che viene insignito del titolo di Capitale nazionale assume il compito di rappresentare il progetto, organizzare e promuovere un calendario programmatico di iniziative ed eventi volti a realizzare buone pratiche di gentilezza rivolte e con il coinvolgimento delle comunità locali, celebrare le cerimonie inaugurali delle giornate nazionali e coinvolgere i propri cittadini a generare e costruire pratiche gentili da fare in loco e poi da esportare in tutto il Paese.

IN ITALIA CI SONO 183 ASSESSORI ALLA GENTILEZZA

Molte pratiche gentili vengono ideate da bambini e ragazzi sotto forma di gioco e riproposte nel mondo degli adulti, come per esempio l’assessore alla gentilezza – oggi in Italia sono 183 gli assessori alla Gentilezza in carica in altrettanti Comuni, riferimento per bambini, ragazzi e le loro famiglie, che, senza portafoglio, partecipano all’attuazione di Costruiamo Gentilezza – o come la panchina della gentilezza, da colorare in viola, un posto su cui magari ‘fare la pace’ o praticare gesti di cortesia in favore dei più bisognosi. E poi i parcheggi rosa, modalità di accesso privilegiato ai servizi della Pa per anziani e disabili, assistenza all’infanzia e tante altre iniziative.

All’evento hanno preso parte, tra gli altri, i sindaci e i rappresentanti istituzionali dei Comuni interessati, l’assessore alla Gentilezza del Comune di Novara (Capitale Nazionale di Costruiamo Gentilezza 2023), Giulia Negri, i ‘costruttori di Costruiamo gentilezza’ della Campania e della Puglia, rappresentanti delle scuole e del volontariato. L’incontro è stato coordinato dalla dirigente alle Pari opportunità della Città Metropolitana di Napoli, Renata Monda.

fonte: AgenziaDIRE.it

Condividi:

© 2012-2024 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?