In Georgia, un fragile sogno europeo

georgia ue

Indebolita dalla regressione democratica e dalle conseguenze della guerra russa in Ucraina, la Georgia è di nuovo in subbuglio. Secondo uno scenario ormai familiare, questa piccola repubblica del Caucaso meridionale, che ha fatto parte dell’URSS fino al 1991, è soggetta a venti contrapposti provenienti dalla Russia e dall’Unione Europea (UE). Gli europeisti hanno segnato un punto cruciale giovedì 9 marzo, ottenendo il ritiro di un disegno di legge antidemocratico sotto la pressione di grandi manifestazioni.

Le truppe russe hanno occupato il 20% del territorio georgiano dal loro intervento nel 2008 con il pretesto di proteggere le minoranze russe in due territori separatisti, l’Abkhazia e l’Ossezia meridionale. Nel 2022, la guerra in Ucraina ha provocato l’arrivo massiccio in Georgia di centinaia di migliaia di russi che volevano sfuggire alla mobilitazione, sconvolgendo la vita del Paese, in un contesto di grande confusione a Tbilisi.

La vita politica è dominata dal miliardario Bidzina Ivanishvili, fondatore del partito al governo Sogno georgiano, che, nonostante le sue ripetute promesse di ritirarsi dalla politica, controlla ufficiosamente le principali leve del potere.

L’appeal dell’UE tra la popolazione, tuttavia, è indiscutibile: secondo i sondaggi, oltre l’80% dei georgiani vorrebbe che il proprio paese ne diventasse membro. La Georgia ha presentato domanda di adesione un anno fa, ma Bruxelles si è astenuta dal concederle lo status di candidato concesso a Ucraina e Moldavia e ha posto a Tbilisi una decina di condizioni da soddisfare prima di poter procedere su questa strada.

Le reazioni degli occidentali

Martedì 7 marzo l’adozione in prima lettura in Parlamento, a maggioranza, di un testo modellato sulla legge russa che impone alle associazioni finanziate per oltre il 20% da fondi esteri di dichiararsi “agenti stranieri”, sono serviti da scintilla, facendo riversare migliaia di oppositori in piazza per chiedere la cancellazione del testo.

Nonostante la violenza delle operazioni di dispersione e gli arresti, mercoledì sera i manifestanti si sono nuovamente radunati, più numerosi. Questa mobilitazione popolare è riuscita a piegare il partito al governo, che giovedì mattina ha annunciato di “ritirare incondizionatamente” il disegno di legge.

Questa è una vittoria per le forze democratiche ed europeiste in Georgia. Definito “legge russa” dall’opposizione, il testo simboleggiava il preoccupante declino dello stato di diritto che frena le ambizioni europee del Paese. Sommate alle pressioni della società civile, le reazioni degli occidentali all’adozione del disegno di legge sono arrivate al momento giusto: il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, mercoledì ha ritenuto il disegno di legge “incompatibile con i valori dell’Ue”, e gli Stati Uniti, “fortemente preoccupati”, si erano dichiarati “solidali” con i manifestanti.

La presidente della Georgia, Salomé Zurabishvili, sebbene eletta con l’appoggio del Georgian Dream, aveva chiesto l’abrogazione della legge che, a suo dire, “allontana la Georgia dall’Unione Europea” .

Tuttavia, la situazione rimane fragile. L’Ue deve navigare tra l’esigenza di vedere Tbilisi progredire sui lavori richiesti dalle condizioni poste da Bruxelles e il rischio, se il divario si allarga, di lasciare campo libero alle influenze russe. Ma spetta prima di tutto ai leader georgiani dimostrare la loro determinazione ad entrare in Europa, mettendo ordine nei ranghi e lavorando seriamente per il ripristino dello stato di diritto.

link all’articolo originale: LeMonde.fr

Condividi:

© 2012-2024 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?