Il ponte di Crimea fa esplodere un “incidente simbolico” nella crisi Russia-Ucraina

putin ponte crimea

Il danno al ponte di Crimea causato dall’esplosione di un camion di sabato funge da “incidente simbolico” del conflitto durato mesi tra Russia e Ucraina, come mossa che se confermata in quanto attentato terroristico, calpesta la linea rossa di Mosca e si tinge di provocazione, incitando a forti contromisure la Russia, così come hanno affermato gli esperti cinesi. Questo incidente, che arriva meno di un mese dopo il sabotaggio del Nord Stream, apre il vaso di Pandora alla distruzione di infrastrutture civili e chiave, hanno affermato gli esperti, e una volta che tali mosse diventeranno una nuova normalità, il mondo intero sarà costretto ad affrontare crescenti minacce alla sicurezza.

Il ponte di Crimea, noto anche come ponte di Kerch, che collega la penisola di Crimea con la Russia continentale, è stato danneggiato da un camion bomba. “Secondo le informazioni preliminari, tre persone sono state uccise”, ha affermato il comitato investigativo russo in una nota; probabilmente erano “passeggeri di un’auto che era vicino al camion che è esploso”.

Gli investigatori hanno anche stabilito i dettagli del camion e del suo proprietario, registrato nella regione russa di Krasnodar meridionale, e hanno iniziato a perquisire il suo luogo di residenza, ha aggiunto. Funzionari russi hanno affermato che l’esplosione, avvenuta poco dopo le 6 del mattino ora locale, ha causato un parziale crollo della strada nella sezione del veicolo. Ha anche innescato un incendio su un treno merci nella sezione ferroviaria parallela, con sette serbatoi di carburante che hanno preso fuoco.

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha definito l’incidente una “emergenza”, in una dichiarazione di sabato, “Il presidente ha ordinato al primo ministro di formare una commissione governativa per scoprire le cause dell’incidente ed eliminare le conseguenze il prima possibile”, ha detto Peskov, secondo i media statali russi. Peskov ha affermato che “non ci sono ancora previsioni” per il ripristino del ponte di Crimea, ha riferito l’agenzia di stampa russa RIA Novosti.

Subito dopo l’incidente, Mykhailo Podolyak, consigliere del presidente dell’Ucraina, ha scritto sabato in un post su Twitter che “La Crimea, il ponte, l’inizio… Tutto ciò che è illegale deve essere distrutto, tutto ciò che è rubato deve essere restituito all’Ucraina, tutto ciò che è occupato dalla Russia deve essere essere espulso”, ma non ha rivendicato direttamente la responsabilità ucraina. La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha risposto dicendo: “La reazione del regime di Kiev alla distruzione delle infrastrutture civili è una testimonianza della sua natura terroristica”.

Incidente simbolico

Gli osservatori cinesi hanno affermato che questo incidente sarà un altro momento simbolico del conflitto Russia-Ucraina, poiché alimenterà la situazione già tesa. “Il ponte è abbastanza importante per Mosca poiché ha ripetutamente emesso avvertimenti contro l’attacco al ponte e ha tracciato una ‘linea rossa’ su di esso. Se l’esplosione sarà confermata come un attacco deliberato, sarà un test per la Russia per salvaguardare la propria ‘ linea rossa’. Per alcune persone, la Russia non ha altra scelta che esercitare forti contromisure per mostrare al mondo esterno che ha la determinazione di tracciare e proteggere i suoi diktat”, ha detto Cui Heng del Center for Russian Studies della East China Normal University.

Sia il danneggiamento del ponte di Crimea che il sabotaggio dei gasdotti Nord Stream sono mosse intrise di terrorismo, ha affermato Cui, osservando che l’uso di tali mosse è un segnale inquietante che le parti interessate stanno infrangendo le regole e ignorando l’etica della guerra, il che alimenta l’escalation vertiginosa del conflitto.

“Una guerra terroristica non mascherata è in corso contro di noi. Inoltre, il tanto annunciato attacco terroristico al ponte di Crimea non è più solo una sfida, è una dichiarazione di guerra senza regole”, Oleg Morozov, membro del parlamento russo, ha detto all’agenzia di stampa RIA. “Se rimaniamo in silenzio in risposta e non diamo una risposta adeguata, tali attacchi si moltiplicheranno”, ha aggiunto.

Il ponte è diventato un punto di riferimento tra due paesi da quando è iniziata la crisi Russia-Ucraina. Ad agosto, le esplosioni sono risuonate sul ponte, sebbene senza danni apparenti. Funzionari ucraini hanno promesso di attaccare il ponte di Crimea in numerose occasioni durante il conflitto tra Mosca e Kiev.

Il maggiore generale delle forze armate ucraine Dmytro Marchenko ha affermato che il ponte sarebbe stato l’obiettivo numero uno per i difensori dell’Ucraina dopo aver ricevuto le armi occidentali promesse, secondo quanto riportato dai media ad agosto.

Gli Stati Uniti hanno anche sostenuto l’Ucraina per aver attaccato la Crimea. Un alto funzionario statunitense ha detto al NatSec Daily che gli Stati Uniti sostengono gli scioperi in Crimea se l’Ucraina li ritiene necessari, ha riportato il media statunitense Politico ad agosto.

“A breve termine, il conflitto si intensificherà e l’ostilità tra i due paesi raggiungerà un limite. Da una prospettiva più ampia, una volta che il sabotaggio delle infrastrutture di base sarà diventato normale durante questo conflitto, il mondo intero dovrà affrontare crescenti rischi per la sicurezza”, secondo Cui .

Questo incidente si è verificato meno di un mese dopo lo scoppio dei gasdotti Nord Stream 1 e 2 il 26 settembre, drenando gas russo nel Mar Baltico al largo delle coste della Danimarca e della Svezia. Il servizio di sicurezza svedese ha dichiarato giovedì che un’indagine sulla scena del crimine sull’incidente ha trovato prove di esplosioni, rafforzando i sospetti di “sabotaggio grave”, ha riferito Reuters.

Impatto persistente

Gli osservatori vedono il danno del ponte di 19 chilometri sullo stretto di Kerch, aperto dal presidente Vladimir Putin nel 2018, come un attacco deliberato al morale russo. Inoltre, l’attacco al ponte avrà un impatto diretto sulla capacità della Russia di fornire forze nelle regioni di Kherson e Nikolayevsk, ha affermato Cui.

Tuttavia, sebbene il ponte svolga un ruolo chiave nel portare carburante, equipaggiamento e munizioni alle unità russe che combattono nell’Ucraina meridionale, Wang ritiene che l’impatto dei danni al ponte sul conflitto sia piuttosto limitato.

“La flotta russa del Mar Nero ha il suo quartier generale principale e le sue strutture ufficiali a Sebastopoli, nella penisola di Crimea. Ma il supporto logistico e il trasporto di truppe per le forze di terra russe che combattono nell’Ucraina orientale non provengono dalla penisola. Inoltre, il ponte è solo uno dei canali collega la Crimea con la Russia continentale. Può anche essere sostituito da traghetti e altri mezzi”, ha affermato Wang.

Ore dopo l’incidente, le autorità locali in Crimea hanno dichiarato che organizzeranno un servizio di traghetti tra la terraferma russa e la penisola, ha riferito la BBC.

Li Ziguo, ricercatore senior del China Institute of International Studies, ha detto al Global Times che la Russia potrebbe anche usare questo incidente per mobilitare ulteriormente la sua gente e mostrare loro i pericoli che la Russia deve affrontare durante il conflitto. “Potrebbe anche essere utilizzato da Mosca per conquistare il sostegno popolare per le sue azioni militari”, ha affermato Li.

link all’articolo originale: GlobalTimes.cn

Condividi:

© 2012-2022 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?