La prima donna premier italiana sarà un male per le donne?

meloni strega cattiva

Giorgia Meloni, 45 anni, madre nubile di Roma, è pronta a fare la storia. Se i sondaggi d’opinione si rivelano giusti, sarà nominata prima donna primo ministro d’Italia dopo le elezioni di fine mese.

Ma cosa significherebbe la vittoria di Meloni per i diritti delle donne, e la campagna per l’uguaglianza nella politica italiana, è meno chiaro.

Nelle ultime settimane, una serie di celebrità femminili si sono schierate contro Meloni e il suo partito di estrema destra Fratelli d’Italia. Hanno attaccato le sue politiche di pianificazione familiare, la sua dedizione alla famiglia “tradizionale” e il suo disprezzo per i diritti delle minoranze come prova del fatto che non aiuterà la rappresentanza femminile o aumenterà i diritti delle donne.

La cantante Levante ha scritto sul suo Instagram che la visione di Meloni esclude le minoranze e le donne che non si conformano a un’immagine idealizzata della madre eterosessuale, cristiana. Elodie, un’altra cantante popolare, ha messo in evidenza parti delle proposte elettorali di FdI del 2018 per “difendere la famiglia naturale, combattere l’ideologia di genere e promuovere la vita”. “Francamente mi spaventa”, ha scritto sui social media.

La scorsa settimana è stata la volta della top fashion influencer italiana Chiara Ferragni, che ha preso di mira Meloni in una storia su Instagram, sostenendo che Brothers of Italy ha reso “praticamente impossibile” abortire nelle Marche, che il partito governa. Questa, ha detto la Ferragni ai suoi 27 milioni di follower, è una “politica che rischia di diventare nazionale se la destra vince le elezioni… Ora è il nostro momento di agire e fare in modo che ciò non accada”.

Per i suoi sostenitori, un premier Meloni manderebbe il segnale più forte possibile che non ci sono limiti alle opportunità aperte alle donne in Italia.

In una cultura politica famigerata per il suo maschilismo, la sua vittoria sarebbe certamente notevole. Le donne hanno già raggiunto il grado di ministro degli Esteri e presidente del Senato, ma 76 anni dopo la fondazione della repubblica, sarebbe stata la prima donna a guidare il governo, dopo che 30 uomini hanno servito come primo ministro prima di lei.

Durante la sua carriera, Meloni ha giocato il suo status di outsider. Ha parlato di come è stata spinta a saltare la corsa a sindaco di Roma durante la gravidanza e di come affronta minacce e abusi online di genere. Il fatto che sia una madre non sposata e lavoratrice – ed è stata cresciuta da una madre single – potrebbe renderla più riconoscibile con le donne normali.

Ma per le sue avversarie, nessuna di queste caratteristiche personali garantisce che consegnerà ciò di cui le donne italiane hanno bisogno.

Il partito di Meloni ha votato contro le proposte in Europa e in Italia per proteggere le donne dalla discriminazione e dalla violenza, a causa della sua opposizione all’ideologia di genere. Per la senatrice Valeria Valente dei Democratici di centrosinistra, “Meloni gioca sul fattore novità [l’essere donna] ma non rappresenta e lavora per le donne. [La sua premiership] non è un’opportunità per le donne”.

Valente ritiene che le preoccupazioni della Ferragni sul rischio per il diritto all’aborto siano “fondate”. Nelle regioni già gestite dai Fratelli d’Italia di Meloni non vengono rispettate le linee guida nazionali per rendere disponibile la pillola abortiva in un ambulatorio diurno. Per giustificare questa politica, uno dei politici regionali del partito nelle Marche, Carlo Ciccioli, ha citato il pericolo imminente di una “sostituzione etnica”, sostenendo che in assenza di bambini italiani, la proporzione di bambini nati da “genitori stranieri” aumenterebbe .

In Italia lavora solo il 49 per cento delle donne, contro il 73 per cento della Germania. Alcuni dei critici di Meloni affermano che le sue politiche rischierebbero di ampliare questo divario. Meloni ha promesso di tagliare le tasse alle famiglie più numerose per aumentare il tasso di natalità attualmente basso in Italia di 1,2 nascite per donna, rispetto a 1,5 in Germania e 1,8 in Francia.

Anche se questo sarebbe potenzialmente un gradito sgravio fiscale per alcuni, si teme che rischierebbe anche di frenare l’uguaglianza economica per le donne in Italia. “Vuole tenere le donne a casa”, ha detto Valente a POLITICO.

Isabella Rauti, senatrice di Fratelli d’Italia, ha affermato che le politiche di Meloni aiuterebbero le donne a conciliare lavoro e famiglia incentivando le aziende che assumono nuove madri e che adottano politiche favorevoli alla famiglia. “La sua nomina a primo ministro sarebbe qualcosa di completamente nuovo e manderebbe un messaggio a tutte le donne italiane”.

La Meloni è stata chiara che non avrebbe abolito la legge del 1978 che legalizzava l’aborto. Tuttavia, avrebbe cercato di applicare pienamente una parte della legge che ordinava alle entità statali di offrire alle donne alternative all’aborto, per “superare le cause che potrebbero indurre la donna a interrompere la gravidanza”, ha spiegato Rauti.

Alcune misure che sono già state adottate nelle regioni di destra includono il pagamento delle donne per non abortire e l’ammissione di gruppi anti-aborto negli ospedali e nelle cliniche di pianificazione familiare. I gruppi per i diritti dell’aborto affermano che queste misure sono progettate per confondere le donne e ritardare la loro decisione fino a quando non è troppo tardi per abortire legalmente.

Rompere le barriere

Indubbiamente Meloni ha già infranto le barriere: è stata la più giovane ministro di gabinetto nella storia d’Italia.

Ma la sua ascesa non è garantita per aprire la porta a più donne per entrare in politica. Meloni denigra il femminismo e non crede nella fissazione di quote. Sostiene che solo la promozione basata sul merito conferisce autorità alle donne. L’enigma per le femministe è se un governo Meloni sia una vittoria perché è donna, o una sconfitta perché è una donna di destra.

Storicamente l’Italia ha molta strada da fare. Il sistema è “così maschilista e maschilista che il piccolo numero di posizioni di potere occupate dalle donne non diventa trampolino di lancio per altri”, ha affermato Valeria Manieri, fondatrice di Le Contemporanee, una start-up che si batte contro la discriminazione di genere. “È altamente probabile che la sua leadership favorirà lei e solo lei, senza appianare il percorso degli altri”.

Meloni potrebbe avere degli alleati improbabili in tema di diritti delle donne.

Per Marina Terragni, scrittrice femminista, la sinistra ha ignorato per troppo tempo le femministe radicali su questioni come la politica di genere e la maternità surrogata. Ora vedono possibili punti in comune con Meloni. “La sinistra non ha mai voluto ascoltare le obiezioni delle femministe su questi temi”, ha detto Terragni. “La destra è più volenterosa”.

Alcuni gruppi femministi hanno spinto affinché la maternità surrogata, già illegale in Italia, diventi un reato anche se praticata all’estero.

“Se la Meloni promuove questa politica – e l’ha già fatto – non posso dire di no perché è lei che lo dice”, ha detto Terragni. “Sarebbe assurdo. Ovviamente abbiamo fini diversi”, ha aggiunto Terragni, sostenitore del diritto all’aborto. Ma in quanto madre nubile, Meloni è “una donna del nostro tempo”.

Se non altro, la posizione di Meloni al vertice solleverebbe interrogativi sul perché in Italia e altrove tenda ad essere la destra politica – che spesso sostiene politiche più reazionarie – a produrre leader donne, come Angela Merkel in Germania e Margaret Thatcher, Theresa May e potenzialmente Liz Truss nel Regno Unito

Qualunque sia la loro politica, quando le donne sfondano sono inevitabilmente capaci, ha aggiunto Manieri. “Perché per arrivarci hanno lavorato 10 volte più duramente di un uomo. Questo vale sicuramente per Giorgia Meloni”.

link all’articolo originale: POLITICO.com

Condividi:

© 2012-2022 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?