Joseph E. Stiglitz: come gli Stati Uniti potrebbero perdere la nuova guerra fredda

putin xi

Gli Stati Uniti sembrano essere entrati in una nuova guerra fredda sia con la Cina che con la Russia. E il ritratto da parte dei leader statunitensi nel confronto tra democrazia e autoritarismo non supera il test delle impressioni, soprattutto in un momento in cui gli stessi leader stanno attivamente corteggiando un sistematico violatore dei diritti umani come l’Arabia Saudita. Tale ipocrisia suggerisce che è almeno in parte l’egemonia globale, non i valori, ad essere realmente in gioco.

Per due decenni dopo la caduta della cortina di ferro, gli Stati Uniti sono stati chiaramente i numeri uno. Ma poi sono arrivate guerre disastrosamente sbagliate in Medio Oriente, il crollo finanziario del 2008, la crescente disuguaglianza, l’epidemia di oppioidi e altre crisi che sembravano mettere in dubbio la superiorità del modello economico americano. Inoltre, tra l’elezione di Donald Trump, il tentato colpo di stato al Campidoglio degli Stati Uniti, numerose sparatorie di massa, un Partito Repubblicano deciso a reprimere gli elettori e l’ascesa di culti complottisti come QAnon, ci sono prove più che sufficienti per suggerire che alcuni aspetti della politica americana e la vita sociale sono diventate profondamente patologiche.

Naturalmente, l’America non vuole essere detronizzata. Ma è semplicemente inevitabile che la Cina superi economicamente gli Stati Uniti, indipendentemente dall’indicatore ufficiale utilizzato. Non solo la sua popolazione è quattro volte più grande di quella americana; anche la sua economia è cresciuta tre volte più velocemente per molti anni (in effetti, ha già superato gli Stati Uniti in termini di parità di potere d’acquisto nel 2015).

Sebbene la Cina non abbia fatto nulla per dichiararsi una minaccia strategica per l’America, è ormai scritto sulla calce. A Washington, c’è un consenso bipartisan sul fatto che la Cina potrebbe rappresentare una minaccia strategica e che il minimo che gli Stati Uniti dovrebbero fare per mitigare il rischio è smettere di aiutare l’economia cinese a crescere. Secondo questo punto di vista, un’azione preventiva è giustificata, anche se ciò significa violare le regole dell’Organizzazione mondiale del commercio che gli stessi Stati Uniti hanno fatto tanto per scrivere e promuovere.

Questo fronte nella nuova guerra fredda si aprì ben prima che la Russia invadesse l’Ucraina. E da allora alti funzionari statunitensi hanno avvertito che la guerra non deve distogliere l’attenzione dalla vera minaccia a lungo termine: la Cina. Dato che l’economia russa ha all’incirca le stesse dimensioni di quella spagnola, la sua partnership “senza limiti” con la Cina non sembra avere importanza economica (sebbene la sua volontà di impegnarsi in attività dirompenti in tutto il mondo potrebbe rivelarsi utile per il suo più grande vicino meridionale).

Ma un paese in “guerra” ha bisogno di una strategia e gli Stati Uniti non possono vincere da soli una nuova gara di grandi potenze; ha bisogno di amici. I suoi alleati naturali sono l’Europa e le altre democrazie sviluppate nel mondo. Ma Trump ha fatto tutto il possibile per alienare quei paesi, e i repubblicani – ancora totalmente legati a lui – hanno fornito molte ragioni per far domandare a quegli stessi paesi se gli Stati Uniti siano un partner affidabile. Inoltre, gli Stati Uniti devono anche conquistare il cuore e la mente di miliardi di persone nei paesi in via di sviluppo e nei mercati emergenti del mondo, non solo per avere i numeri dalla loro parte, ma anche per garantire l’accesso alle risorse critiche.

Nel cercare il favore del mondo, gli Stati Uniti dovranno recuperare molto terreno perduto. La loro lunga storia di sfruttamento di altri paesi non aiuta, e nemmeno il loro razzismo profondamente radicato, una forza che Trump canalizza in modo esperto e cinico. Più di recente, i politici statunitensi hanno contribuito all’ “apartheid del vaccino” globale, in base al quale i paesi ricchi hanno ottenuto tutte le dosi di cui avevano bisogno mentre le persone nei paesi più poveri sono state lasciate al loro destino. Nel frattempo, i nuovi oppositori americani della guerra fredda hanno reso i loro vaccini prontamente disponibili per gli altri ad un costo inferiore o uguale, aiutando anche i paesi a sviluppare le proprie strutture per la produzione dei sieri.

Il divario di credibilità è ancora più ampio quando si parla di cambiamento climatico, che colpisce in modo sproporzionato coloro che nel Sud del mondo hanno meno capacità di farvi fronte. Mentre i principali mercati emergenti sono diventati oggi le principali fonti di emissioni di gas serra, le emissioni cumulative statunitensi sono ancora di gran lunga le maggiori. I paesi sviluppati continuano ad aggiungersi a loro e, peggio ancora, non hanno nemmeno mantenuto le loro magre promesse di aiutare i paesi poveri a gestire gli effetti della crisi climatica causata dal mondo ricco. Invece, le banche statunitensi contribuiscono all’incombente crisi del debito in molti paesi, rivelando spesso una depravata indifferenza per le sofferenze che ne derivano.

L’Europa e l’America eccellono nell’insegnare agli altri ciò che è moralmente giusto ed economicamente ragionevole. Ma il messaggio che di solito arriva – come chiarisce la persistenza dei sussidi agricoli statunitensi ed europei – è “fai quello che dico, non quello che faccio”. Soprattutto dopo gli anni di Trump, l’America non ha più alcuna pretesa di elevazione morale, né ha la credibilità per dispensare consigli. Il neoliberismo e l’economia a cascata non sono mai stati ampiamente abbracciati nel Sud del mondo e ora stanno passando di moda ovunque.

Allo stesso tempo, la Cina ha eccelso non nel tenere conferenze, ma nel fornire ai paesi poveri infrastrutture pesanti. Sì, questi paesi sono spesso profondamente indebitati; ma, dato il comportamento delle banche occidentali come creditori nei paesi in via di sviluppo, gli Stati Uniti e altri paesi non sono in grado di puntare il dito.

Potrei andare avanti, ma il punto dovrebbe essere chiaro: se gli Stati Uniti hanno intenzione di imbarcarsi in una nuova guerra fredda, dovrebbero capire meglio cosa ci vorrà per vincere. Le guerre fredde alla fine si vincono con il potere morbido dell’attrazione e della persuasione. Per vincere, dobbiamo convincere il resto del mondo ad acquistare non solo i nostri prodotti, ma anche il sistema sociale, politico ed economico che vendiamo.

Gli Stati Uniti potrebbero sapere come realizzare i migliori bombardieri e sistemi missilistici del mondo, ma non ci aiuteranno qui. Dobbiamo invece offrire un aiuto concreto ai paesi in via di sviluppo e ai mercati emergenti, a partire da una rinuncia a tutta la proprietà intellettuale relativa al COVID in modo che possano produrre vaccini e cure per se stessi.

Altrettanto importante, l’Occidente deve ancora una volta rendere i nostri sistemi economici, sociali e politici l’invidia del mondo. Negli Stati Uniti, ciò inizia con la riduzione della violenza armata, il miglioramento delle normative ambientali, la lotta alla disuguaglianza e al razzismo e alla protezione dei diritti riproduttivi delle donne. Finché non avremo dimostrato di essere degni di guidare, non possiamo aspettarci che gli altri marcino verso il nostro tamburo.

link all’articolo originale: SCHEERPOST.com

Condividi:

© 2012-2022 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?