Better Call Saul (serie tv) // Gilligan, Gould

better call saul copertina

Nella vasta giungla dominata dalle Serie Tv si annidano vere e proprie creature diaboliche, perfette e splendide.

Per quanto mi riguarda una di queste è Better Call Saul, costola feroce della serie ormai cult Breaking Bad, alla quale non ha davvero nulla a invidiare.

Dopo un’attesa al cardiopalma, finalmente Better Call Saul è tornato su Netflix con i tanto attesi episodi della sesta e ultima stagione.

Quella di Saul è una scalata inarrestabile verso l’Olimpo. Un’ascesa epica costellata di delusioni, perdite, imbrogli e sotterfugi. Vince Gilligan e Peter Gould intessono una trama epica, nella quale un uomo cerca di diventare un Dio e per farlo rinuncia anche a sé stesso.

Tensione è la parola d’ordine che aleggia in ogni angolo di questa serie, e soprattutto in questa ultima stagione. Si respira aria di vendetta e l’orizzonte assolato è minacciato dall’incombere di un temporale furioso. Saul (Bob Odenkirk) come un moderno Icaro, si è spinto troppo in alto e con lui anche Kim (Rhea Seehorn) e la caduta è sempre più imminente.

Better Call Saul è una serie davvero complessa, un racconto di formazione distorto e contorto… perché fondamentalmente Saul non è un cattivo, ma una pecora travestita da lupo.

Un cast superlativo in cui tutti gli attori, e dico tutti, sono letteralmente fusi con i propri personaggi. Ogni episodio è un piccolo capolavoro, un pezzo di puzzle dall’incastro perfetto.

La fine è ormai vicina… ma prima che arrivi, se avete bisogno, meglio chiamare Saul!

Buona visione

Serena Aronica

Condividi:

© 2012-2022 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?