Putin non si rende conto di quanto sia cambiata la guerra

carri novecento

Otto von Bismarck una volta disse che solo uno sciocco impara dai propri errori. “Imparo dagli altri”, ha detto il cancelliere tedesco del XIX secolo. Sorprendentemente, l’esercito russo sta ripetendo gli errori passati del suo predecessore sovietico. Nell’aprile 1945, il maresciallo Georgy Zhukov, sotto l’intensa pressione di Stalin, inviò i suoi eserciti di carri armati a Berlino senza il supporto della fanteria. Le forze di Vladimir Putin non solo hanno commesso lo stesso errore; hanno copiato persino il modo in cui i loro antenati avevano attaccato degli strani pezzi di ferro, compresi i telai dei letti, alle torrette dei loro carri armati nella speranza che il metallo aggiunto facesse esplodere prematuramente le armi anticarro. Ciò non ha salvato i carri armati russi. Semplicemente hanno aumentato il loro profilo e attirato maggiormente la caccia dei carri armati ucraini, proprio come i carri armati sovietici a Berlino avevano attirato i gruppi della Gioventù Hitleriana e le SS, che li attaccarono con i Panzerfaust.

L’ossessione alterata del presidente russo per la storia, in particolare per la “Grande Guerra Patriottica” contro la Germania, ha distorto la sua retorica politica con bizzarre contraddizioni. Ha chiaramente influenzato il suo approccio militare. I carri armati furono un grande simbolo di forza durante la seconda guerra mondiale. Che Putin possa ancora vederli in quel modo sfida ogni credenza. I veicoli si sono rivelati profondamente vulnerabili a droni e armi anticarro nei recenti conflitti in Libia e altrove; la capacità dell’Azerbaigian di distruggere facilmente i carri armati armeni è stata essenziale per la vittoria del 2020 nella regione del Nagorno-Karabakh.

Eppure Putin sembra aver imparato tanto quanto ha dimenticato. Nell’agosto 1968, alle forze del Patto di Varsavia che entravano in Cecoslovacchia fu detto dai loro ufficiali politici che sarebbero state accolte come liberatori. Si ritrovarono odiati, senza carburante e affamati. Il morale era in frantumi. Il controllo di Putin sui media nazionali può nascondere la verità alla maggior parte della popolazione russa, ma i suoi coscritti, costretti ora a firmare nuovi contratti per trasformarli in volontari, sono fin troppo consapevoli della realtà.

Il modo in cui tratta il suo stesso popolo è spietato quanto il modo in cui tratta i suoi nemici. L’esercito ha persino portato un crematorio mobile in Ucraina per smaltire le vittime russe al fine di ridurre il numero di cadaveri che vanno a casa. I predecessori sovietici di Putin avevano un simile disprezzo per i sentimenti delle loro truppe. Nel 1945, l’Armata Rossa dovette affrontare una serie di ammutinamenti. Spesso trattati con disprezzo da ufficiali e dipartimenti politici, ai soldati veniva ordinato di uscire di notte nella terra di nessuno per non recuperare i corpi dei compagni caduti, ma per spogliarli delle loro uniformi per essere riutilizzati dalle truppe sostitutive.

Un altro vecchio schema che si ripete in Ucraina è la dipendenza dell’esercito russo dai cannoni pesanti. Nella seconda guerra mondiale, l’Armata Rossa si vantava della potenza della sua artiglieria, che chiamava “il dio della guerra”. Nell’operazione di Berlino, l’artiglieria di Zhukov ha sparato più di 3 milioni di proiettili, distruggendo più città dell’offensiva aerea strategica degli Alleati. I sovietici usarono i lanciarazzi Katyusha, che le truppe tedesche soprannominarono “l’organo di Stalin” per il loro suono ululante, per uccidere tutti i difensori rimasti. Mentre l’artiglieria convenzionale di Putin spacca gli edifici ucraini aperti allo stesso modo per eliminare potenziali posizioni dei cecchini, gli ordigni termobarici – le devastanti “bombe a vuoto” che creano una palla di fuoco che risucchia l’ossigeno dai loro bersagli – prende il posto dei vecchi Katyusha.

La distruzione di Grozny e di Aleppo da parte dei russi aveva già rivelato quanto poco si sia evoluta la loro dottrina del conflitto urbano, a differenza di quella delle forze armate occidentali, dalla seconda guerra mondiale. La coalizione internazionale che ha rivendicato le città di Raqqa e Mosul dallo Stato Islamico ha dimostrato un approccio molto più mirato, isolando ogni città e poi sdoganandola settore per settore.

L’esercito di Putin non è chiaramente l’Armata Rossa, così come la Russia di Putin non è l’Unione Sovietica. La corruzione istituzionale in tutto il governo ha influito su tutto, anche con gli ufficiali che traggono profitto dalla vendita di pezzi di ricambio e ignorano il supporto logistico a favore di progetti di prestigio. Mentre i difensori ucraini stanno distruggendo i carri armati T-72 russi dell’era della Guerra Fredda come anatre di fila, la priorità russa è stata quella di riservare abbastanza soldi per pagare la prossima generazione di carri armati Armata ad alta tecnologia. Eppure l’Armata può ancora fare poco più che attraversare la Piazza Rossa nelle parate del Giorno della Vittoria ogni 9 maggio per impressionare la folla e i media stranieri. Sul campo di battaglia, subirebbe esattamente la stessa sorte dei T-72.

Unità d’élite, paracadutisti e forze speciali Spetsnaz esistono ancora all’interno dell’esercito russo, ma possono ottenere poco da soli nel caos del comando e del controllo scadenti. La mancanza di lungimiranza mostrata nell’introduzione del sistema di comunicazioni crittografate della nuova Era dell’esercito russo sarebbe stato molto più difficile da credere ai più rigorosi tempi dei sovietici, quando tali errori venivano severamente puniti. Quasi sicuramente, si basa su torri 3G, che la Russia ha distrutto quando ha invaso l’Ucraina. Poiché il sistema semplicemente non funziona, gli ufficiali russi devono comunicare con un discorso aperto al cellulare, mentre gli allegri volontari ucraini ascoltano.

L’invasione della Georgia del 2008, che ha inflitto una battuta d’arresto alla piccola ex repubblica sovietica, ma ha rivelato incompetenza e debolezza da parte della Russia, ha portato ai programmi per riequipaggiare e riformare le forze armate di Putin. Tali sforzi sono manifestamente falliti. Questo la dice lunga sulla mancanza di idealismo, probità e senso del dovere all’interno del suo regime. Come questo possa cambiare in una fase così tarda e cruciale dell’invasione dell’Ucraina è molto difficile da vedere.

A Stalingrado alla fine del 1942, l’Armata Rossa ha sorpreso se stessa e il mondo con un’improvvisa inversione di tendenza, e ci sono indicazioni che le forze di Putin stiano adattando le loro tattiche e preparando due importanti inviluppi strategici, intorno a Kiev e nell’Ucraina orientale. Una determinazione quasi stalinista a raddrizzare l’esercito russo, sostenuta dall’esecuzione di disertori e mancanza di ufficiali, potrebbe benissimo prolungare il conflitto in un bagno di sangue di distruzione implacabile e stridente.

Contro tutte le aspettative prebelliche, tuttavia, sembra possibile anche un crollo militare russo. Una completa disintegrazione del morale potrebbe portare ad un ritiro umiliante, un risultato potenzialmente devastante dell’incapacità di Putin di separarsi dal passato sovietico.

link all’articolo originale: TheAtlantic.com

Condividi:

© 2012-2022 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?