Von der Leyen: “L’Ucraina è una di noi, la vogliamo nell’Unione europea”

von der leyen

L’Ucraina è una di noi e la vogliamo nell’Unione”. Lo ha detto la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, parlando ai microfoni di Euronews. “Abbiamo un processo con l’Ucraina che consiste, ad esempio, nell’integrazione del mercato ucraino nel mercato unico. Abbiamo una cooperazione molto stretta sulla rete energetica, per esempio. Così tanti argomenti su cui lavoriamo a stretto contatto e in effetti, nel tempo, ci appartengono”.

“Naturalmente, è importante che la parte ucraina accetti i colloqui di pace e che le condizioni siano buone. In generale, è sempre meglio avere colloqui di pace piuttosto che combattere. Ma la fiducia nel presidente Putin è completamente infranta ed erosa”, ha aggiunto la presidente della Commissione europea.

In serata von der Leyen ha scritto in un Tweet di aver parlato con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, “che guida la decisa resistenza all’invasione russa”. “Gli ho spiegato le misure forti e immediate che stiamo adottando per sostenere la difesa dell’Ucraina, la sua economia e i rifugiati, nonché le nuove sanzioni contro Russia e Bielorussia”, ha scritto von der Leyen.

Sanzioni aggiuntive a Russia e Bielorussia

Nel punto stampa di questo pomeriggio con l’Alto rappresentante dell’Ue per la Politica estera, Josep Borrell, von der Leyen ha annunciato che “per la prima volta in assoluto l’Unione europea finanzierà l’acquisto e la consegna di armi ed equipaggiamenti per il Paese che è sotto attacco. È un momento spartiacque”.

Le nuove misure “si aggiungono al solido pacchetto che vi ho presentato ieri, concordato dai nostri partner internazionali. In base a questo pacchetto, importanti banche russe saranno escluse dal sistema Swift e vieteremo anche le transazioni della banca centrale russa e congeleremo tutti i suoi beni, per impedirle di finanziare la guerra di Putin. E colpiremo i beni degli oligarchi russi”, ha aggiunto la Presidente.

E ha annunciato un pacchetto sanzioni anche per Minsk: “Introdurremo misure restrittive” contro “i più importanti settori” dell’economia della Bielorussia. “Stop all’export di prodotti come carburanti, minerali, tabacco, legname, cemento, ferro e acciaio. E sarà esteso il divieto di scambi commerciali” per quei settori sui quali “è stata sanzionata la Russia”. E ha aggiunto “Saranno sanzionati tutti i bielorussi che stanno sostenendo questa guerra”, aggiunge von der Leyen definendo Minsk “l’altro aggressore”.

“Continuiamo a coordinarci in maniera stretta con i nostri partner nel mondo. E restiamo in stretti contatti con i nostri amici ucraini. La leadership del presidente Zelensky e il suo coraggio e la resilienza del popolo ucraino sono impressionanti ed eccezionali. Sono una ispirazione”.

Ma le misure riguarderanno anche l’informazione “Con una mossa senza precedenti vieteremo la presenza in Ue della macchina mediatica del Cremlino. Russia Today e Sputnik, che sono controllate dal governo, e le testate a loro legate non potranno più diffondere le loro bugie per giustificare la guerra di Putin e creare divisioni nell’Unione. Stiamo sviluppando gli strumenti per vietare questa disinformazione tossica e dannosa in Europa”.

fonte: RaiNews.it

Condividi:

© 2012-2024 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?