La Cina fornirà aiuti di emergenza per 200 milioni di yuan, compreso cibo e 3 milioni di vaccini in Afghanistan

afghanistan china

La Cina e tutti gli altri cinque paesi confinanti con l’Afghanistan lavoreranno insieme per gestire le nuove sfide causate dal ritiro precipitoso degli Stati Uniti dall’Afghanistan e dall’ultima situazione nel paese, con la Cina che mercoledì ha annunciato un’emergenza di aiuti umanitari tra cui alimenti, medicinali e vaccini COVID-19 dopo che i talebani afghani hanno annunciato martedì i membri chiave del loro nuovo governo ad interim.

Il consigliere di Stato cinese e ministro degli Esteri Wang Yi hanno partecipato mercoledì alla riunione dei ministri degli Esteri sulla questione afghana tra i paesi vicini dell’Afghanistan, e hanno affermato che il futuro dell’Afghanistan è ancora pieno di incertezze poiché il governo istituito dai talebani è “ad interim”.

Wang ha detto ai ministri degli esteri di Pakistan, Iran, Tagikistan, Uzbekistan e Turkmenistan che tutti i vicini dell’Afghanistan possono cooperare in campi, tra cui aiutare l’Afghanistan a rafforzare la prevenzione dell’epidemia di COVID-19, mantenere aperti i porti di frontiera, rafforzare la gestione e il controllo sui rifugiati, fornire aiuti umanitari , approfondendo la cooperazione antiterrorismo e conducendo operazioni antidroga.

Wang ha annunciato che la Cina fornirà 3 milioni di dosi di vaccino COVID-19 all’Afghanistan, nonché aiuti umanitari di emergenza per un valore di 200 milioni di yuan (31 milioni di dollari) tra cui cibo, medicinali e altri materiali per l’inverno.

Wang ha esortato i talebani a intraprendere azioni concrete per contenere e colpire i terroristi e ha invitato tutte le parti a rafforzare la condivisione dell’intelligence e il controllo delle frontiere per arrestare ed eliminare i gruppi terroristici in fuga dall’Afghanistan.

Wang ha anche sottolineato che gli Stati Uniti ed i loro alleati dovrebbero assumersi il pieno obbligo di fornire aiuti economici e umanitari al popolo afghano, perché sono i creatori dei problemi in Afghanistan.

Cosa può fare la Cina?

La Cina manterrà la calma e presterà molta attenzione agli atti dei talebani nei prossimi passaggi e non riconoscerà immediatamente il governo ad interim, ha affermato Pan Guang, un esperto di antiterrorismo e studi afgani presso l’Accademia delle scienze sociali di Shanghai, rilevando che tra i nomi annunciato del governo ad interim, molti funzionari talebani sono ancora nella lista delle sanzioni delle Nazioni Unite. Quello che la Cina può fare ora è mantenere i contatti necessari con i talebani nel campo delle normali attività economiche e degli scambi interpersonali.

Secondo un rapporto di Aljazeera di lunedì, un rappresentante anonimo dei talebani ha dichiarato: “Abbiamo inviato inviti a Turchia, Cina, Russia, Iran, Pakistan e Qatar per partecipare alla [cerimonia] di annuncio [della composizione del nuovo afghano] governo.”

Alti funzionari e portavoce talebani hanno spesso menzionato la Cina nelle interviste ai media perché vogliono sottolineare che la Cina è il paese che potrebbe fornire un sostegno economico significativo e per usare le tensioni tra Cina e Stati Uniti in corso per suggerire o fare pressione sull’Occidente che “se non costruisce legami pragmatici con i talebani, la Cina potrebbe svolgere un ruolo più importante nella contea”, ha affermato Qiu Wenping, esperto di studi afghani e antiterrorismo presso la Fudan University.

“La Cina potrebbe inviare rappresentanti a partecipare alla cerimonia tenuta dai talebani per annunciare il suo nuovo governo, ma non lo riconoscerà così presto. I talebani devono fare di più per dimostrare di aver interrotto i legami con i gruppi terroristici e per mostrare inclusività includendo più figure politiche non talebane, come alcuni leader del precedente governo come Hamid Karzai e Abdullah Abdullah”, ha detto Pan.

SCO e Afghanistan

Il vertice della Shanghai Cooperation Organization (SCO) è previsto per il 17 settembre a Dushanbe, capitale del Tagikistan. La Cina e la Russia avranno uno stretto coordinamento con i paesi chiave della regione come il Tagikistan, l’Uzbekistan e il Pakistan, che sono anche membri della SCO per affrontare le sfide dell’ultima situazione in Afghanistan, ha affermato Pan, che è anche direttore del centro studi SCO di Shanghai.

Martedì il presidente cinese Xi Jinping ha dichiarato in una conversazione telefonica con il presidente tagiko Emomali Rahmon che la Cina è pronta a lavorare con il Tagikistan per costruire una comunità di sviluppo con una ricca connotazione e una comunità indistruttibile di sicurezza. Il Tagikistan è un vicino dell’Afghanistan e circa il 30 percento della popolazione in Afghanistan è tagiki, il secondo gruppo etnico più grande dopo i pashtun (circa il 40 percento).

I due leader hanno scambiato opinioni sulla situazione in Afghanistan e hanno convenuto di continuare ad approfondire l’antiterrorismo e la cooperazione in materia di sicurezza e di mantenere congiuntamente la sicurezza e la stabilità regionali.

Pan ha detto che se i talebani non mostrano inclusione nel nuovo governo, mancheranno di rispetto ai suoi vicini come il Tagikistan, l’Iran e l’Uzbekistan poiché hanno tutti compatrioti o persone con la stessa identità etnica o religiosa in Afghanistan, quindi è per questo che la Cina continua a sollecitare i Talebani per essere inclusivi nella formazione di un governo.

Qiu ha affermato che il Pakistan, che è anche un membro della SCO, ha stretti legami con i talebani afghani e che i talebani hanno anche espresso di voler partecipare all’iniziativa Belt and Road proposta dalla Cina e di essere collegati al corridoio economico Cina-Pakistan, quindi il Pakistan avrà un ruolo importante da svolgere.

“Ma il ruolo dell’India sarà molto più imbarazzante, poiché la sua decisione inflessibile nella diplomazia rende difficile cambiare la sua posizione per affrontare la nuova situazione. New Delhi potrebbe prendere in considerazione il rafforzamento del sostegno ai talebani pakistani, che è un gruppo terroristico che sfida il governo pakistano che ha attaccato i cittadini cinesi, per aggiungere un po’ di leva in più per se stesso creando problemi ad altri paesi”.

Un esperto di antiterrorismo e affari afghani a Pechino, che ha chiesto di rimanere anonimo, ha affermato che “a causa dei precedenti attentati terroristici all’aeroporto di Kabul, l’IS-Khorasan è il gruppo terroristico che i talebani possono decidere di stroncare, ma i talebani è improbabile che affronti tutti i terroristi in Afghanistan con lo stesso standard”.

“I talebani potrebbero tenere alcuni terroristi nel paese come merce di scambio per fare accordi con altri paesi vicini e le maggiori potenze mondiali, quindi non è realistico aspettarsi che i talebani abbiano un taglio netto e assoluto con tutti i terroristi in Afghanistan in questo momento”, secondo l’esperto.

Il Movimento islamico del Turkestan orientale (ETIM) è una delle principali preoccupazioni per la Cina e i talebani sono consapevoli che se vogliono mantenere un governo sostenibile del paese, la Cina è l’unica grande potenza che potrebbe fornire un supporto significativo. Pertanto, sarebbero necessarie alcune azioni in materia per soddisfare la richiesta della Cina, ha affermato l’esperto.

Dai priorità agli affari interni

La struttura politica del governo ad interim mostra che i talebani vogliono garantire il loro dominio politico e il controllo assoluto nel paese e significa che i talebani in questa fase daranno la priorità alla risoluzione dei problemi interni piuttosto che rispondere alle aspettative della comunità internazionale, hanno detto gli analisti cinesi.

Sebbene le posizioni chiave del governo ad interim siano dominate da membri talebani, i talebani potrebbero condividere alcune posizioni di base con le forze non talebane nel paese, hanno affermato gli analisti.

Alcuni di questi membri senior talebani sono nell’elenco delle sanzioni delle Nazioni Unite, che rimane una delle principali preoccupazioni per la comunità internazionale e aumenta anche la difficoltà per questo governo ad interim di essere ampiamente riconosciuto e ripristinare i normali scambi internazionali, hanno affermato gli analisti cinesi, aggiungendo che sarà difficile per gli Stati Uniti e altri importanti paesi occidentali stabilire legami con il governo ad interim dei talebani.

Martedì, il mullah Hasan Akhund è stato annunciato come primo ministro del governo ad interim dell’Afghanistan, con il mullah Abdul Ghani Baradar e Abdul Salam Hanafi nominati vice primi ministri in carica, secondo quanto riportato dai media.

Sarajuddin Haqqani, figlio del fondatore della rete Haqqani designata come organizzazione terroristica dagli Usa, sarà il ministro degli interni ad interim, ha informato il principale portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, durante una conferenza stampa a Kabul. Il mullah Mohammad Yaqoob, figlio del defunto fondatore talebano Mullah Mohammad Omar, è stato nominato ministro della Difesa ad interim. Tutte queste nomine erano per un governo ad interim, ha detto Mujahid in una conferenza stampa a Kabul.

Non era chiaro quale ruolo nel governo ad interim sarebbe stato svolto dal Mullah Haibatullah Akhundzada, il leader supremo dei talebani. Non è stato visto né sentito in pubblico dal crollo del governo appoggiato dall’Occidente e dalla presa di Kabul il mese scorso, secondo quanto riferito da Reuters.

Quando governano grandi città come Kabul, i talebani in questo momento hanno urgente bisogno di capitale, aggravato dalle sanzioni imposte dall’Occidente. La carenza di riserve estere e gli ostacoli al ripristino dei normali scambi con l’esterno significano che il Paese sta affrontando una crisi umanitaria, ha affermato un esperto cinese di studi afgani a Pechino che ha chiesto di non essere nominato.

“Gli Stati Uniti dovrebbero considerare di essere pragmatici nel dare la priorità agli interessi della popolazione locale e rimuovere le sanzioni non necessarie contro il paese, o quelle sanzioni causerebbero una crisi che danneggerebbe la gente comune locale. Altrimenti la stabilità non sarà sostenibile e prima o poi il paese tornerà ad essere un rifugio sicuro di gruppi terroristici”, ha detto.

link all’articolo originale: GlobalTimes.cn

Condividi:

© 2012-2021 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?