Il sostegno degli Stati Uniti alla “tattica politica” della rinuncia al brevetto sui vaccini non andrà a vantaggio dei paesi privi di capacità produttiva

vaccino cinese brasile

Dopo che l’amministrazione Biden ha annunciato mercoledì il supporto per la rinuncia ai diritti di proprietà intellettuale per i vaccini COVID-19, una brusca inversione di marcia rispetto alle richieste di scorte di altri paesi passate inosservate, gli esperti cinesi hanno sottolineato che il cambiamento di atteggiamento è stato più un caso di gestione della crisi per ripristinare la reputazione internazionale del paese, e ci sono poche possibilità che sia qualcosa di più di un semplice “servizio a parole”.

In risposta all’annuncio degli Stati Uniti, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha affermato giovedì che per l’accessibilità dei vaccini, la Cina spera che, nell’ambito della struttura dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC), si possano ottenere comunicazioni costruttive e risultati efficaci.

La Cina sostiene gli sforzi per migliorare l’accessibilità ai vaccini ed è disposta a dare contributi per promuovere l’accessibilità e la disponibilità economica nei paesi in via di sviluppo.

Gli Stati Uniti sono uno dei paesi e delle regioni ricche – altri includono il Regno Unito e l’UE – che in precedenza hanno bloccato i negoziati presso l’OMC su una proposta guidata da India e Sud Africa per rinunciare alla protezione di alcuni brevetti e tecnologie e aumentare la produzione di vaccini nei paesi in via di sviluppo.

Dieci riunioni in sette mesi non sono riuscite a produrre una svolta sulla proposta, poiché qualsiasi allentamento degli aspetti della proprietà intellettuale relativi al commercio dell’OMC richiede l’accordo di tutti i 164 membri, che rimane difficile nonostante il sostegno degli Stati Uniti, poiché altri paesi ricchi non necessariamente li seguirebbero, hanno detto gli osservatori.

L’inversione di rotta degli Stati Uniti è avvenuta in mezzo a un’epidemia su larga scala in India e la valanga di critiche nei loro confronti per l’indifferenza verso le sofferenze del loro partner indiano.

Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus ha definito la mossa degli Stati Uniti “un momento monumentale nella lotta contro COVID-19” e “un potente esempio di leadership statunitense per affrontare le sfide sanitarie globali”.

I media occidentali hanno affermato che l’amministrazione Biden si stava piegando alle crescenti pressioni dei legislatori democratici e di oltre 100 altri paesi effettuando questa giravolta, cosa che ha fatto arrabbiare le aziende farmaceutiche.

Le azioni di Moderna Inc e Novavax Inc sono diminuite di diversi punti percentuali negli scambi regolari dopo l’annuncio di mercoledì, sebbene le azioni di Pfizer Inc siano diminuite solo leggermente, secondo Reuters.

Oltre alle diverse reazioni alla posizione del governo degli Stati Uniti, la rinuncia è più simile ad una tattica politica che gli Stati Uniti stanno usando per ripristinare la loro reputazione rovinata, data la loro precedente indifferenza e le azioni negative come principale fornitore di vaccini, mentre molti paesi poveri hanno un urgente bisogno di dosi, ha dichiarato giovedì al Global Times Feng Duojia, presidente della China Vaccine Industry Association.

“La massima priorità degli Stati Uniti è riconquistare la fiducia del pubblico, questa è l’unica spiegazione a cui posso pensare per l’inversione da parte degli Stati Uniti della rinuncia alla Proprietà Intellettuale”, ha detto Feng.

Gli osservatori hanno notato che il governo degli Stati Uniti difficilmente può portare avanti il ​​processo amministrativo e legale della rinuncia che ha proposto.

“La chiave per la fornitura di vaccini non sono i brevetti o la tecnologia stessa, ma le tecniche di produzione e il personale che mancano ai paesi poveri. Quindi è difficile per i paesi poveri beneficiare effettivamente della rinuncia”, ha dichiarato al Global Times un esperto di vaccini con sede a Pechino, giovedì in modo anonimo.

Le tecniche di produzione dei vaccini a mRNA sono molto avanzate, in particolare le tecniche per fornire nano-lipomi e modificare l’acido nucleico, che sono difficili anche per i principali paesi produttori di vaccini come la Cina e l’India nella fase attuale, ha detto l’esperto di Pechino.

Un modello più plausibile sarebbe vendere e donare direttamente vaccini o aiutare la produzione locale dei prodotti, hanno detto gli esperti.

La Cina ha contribuito per oltre il 30% alla fornitura globale di vaccini e il rapporto continua ad aumentare, secondo Feng. I dati compilati da Airfinity, una piattaforma di intelligence scientifica con sede a Londra dedicata a COVID-19, mostrano che dei 164 milioni di vaccini COVID-19 prodotti dagli Stati Uniti fino a marzo, nessuno è stato esportato mentre l’UE ha esportato il 42% dei 110 milioni di dosi è stato prodotto nello stesso mese.

La Cina ha anche trasferito tecniche ai paesi in via di sviluppo, tra cui Argentina, Messico e Pakistan, e li ha aiutati a costruire linee di produzione per migliorare l’accessibilità locale ai vaccini, hanno detto i produttori cinesi di vaccini.

“Mucchi di dosi si stanno avvicinando alla data di scadenza nei magazzini negli Stati Uniti. Vendere questi lotti ai paesi poveri sarebbe cento volte migliore che rinunciare ai brevetti. Cosa potrebbero arrecare i brevetti a paesi che non hanno una linea di produzione?” un netizen cinese ha commentato la cinese Sina Weibo, simile a Twitter.

link all’articolo originale: GlobalTimes.cn

Condividi:

© 2012-2021 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?