In che modo la disinformazione dei “Superdiffusori” genera false teorie elettorali

trump superspreader

La mattina del 5 novembre, Eric Trump, uno dei figli del presidente, ha chiesto ai suoi follower di Facebook di segnalare casi di frode elettorale con l’hashtag Stop the Steal. Il suo post è stato condiviso più di 5.000 volte.

Nel tardo pomeriggio, le personalità dei media conservatori Diamond e Silk avevano condiviso l’hashtag insieme a un video che rivendicava la frode degli elettori in Pennsylvania. Il loro post è stato condiviso più di 3.800 volte.

Quella notte, l’attivista conservatore Brandon Straka ha chiesto alla gente di protestare in Michigan sotto il banner #StoptheSteal. Il suo post è stato condiviso più di 3.700 volte.

Nella settimana successiva, la frase “Stop the Steal” è stata usata per promuovere dozzine di manifestazioni che hanno diffuso false accuse di frode elettorale sulle elezioni presidenziali statunitensi.

Una nuova ricerca di Avaaz, un gruppo globale per i diritti umani, Elections Integrity Partnership e The New York Times, mostra come un piccolo gruppo di persone – per lo più personalità di destra con un’influenza enorme sui social media – ha contribuito a diffondere la falsa narrativa della frode degli elettori che ha portato a quelle manifestazioni.

Quel gruppo, come gli ospiti di un grande matrimonio tenutosi durante la pandemia, erano “superdiffusori” di disinformazione sulle frodi degli elettori, seminando falsità che includono le affermazioni che i morti hanno votato, le macchine per il voto avevano problemi tecnici e le schede elettorali per posta non erano state contate correttamente.

“A causa del modo in cui funziona l’algoritmo di Facebook, questi superdiffusori sono in grado di innescare un discorso”, ha detto Fadi Quran, direttore di Avaaz. “Spesso si presume che la disinformazione o le voci si diffondano. Questi superdiffusori mostrano che c’è uno sforzo intenzionale per ridefinire la narrativa pubblica”.

Su Facebook, ci sono state circa 3,5 milioni di interazioni – inclusi Mi piace, commenti e condivisioni – su post pubblici che facevano riferimento a “Stop the Steal” durante la settimana del 3 novembre, secondo la ricerca. Di questi, i profili di Eric Trump, Diamond and Silk e Mr. Straka rappresentavano una quota sproporzionata – circa il 6 percento, o 200.000, di quelle interazioni.

Sebbene l’impatto del gruppo sia stato notevole, da allora non si è avvicinato alla diffusione della disinformazione promossa dal presidente Trump. Secondo Crowdtangle, uno strumento di analisi di proprietà di Facebook, dei 20 post di Facebook più coinvolti nell’ultima settimana contenenti la parola “elezione”, tutti provenivano da Trump. Tutte queste affermazioni sono state ritenute false o fuorvianti da verificatori di fatti indipendenti.

Le affermazioni infondate di frode elettorale sono state utilizzate dal presidente e dai suoi sostenitori per contestare il voto in un certo numero di stati. I rapporti secondo cui il malfunzionamento delle macchine per il voto, i voti per corrispondenza intenzionalmente errati e altre irregolarità hanno influenzato il voto, sono stati indagati da funzionari elettorali e giornalisti che non hanno trovato prove di frodi elettorali diffuse.

Le accuse di frode degli elettori hanno continuato a raccogliere fumo nelle ultime settimane, grazie in gran parte a resoconti importanti. Uno sguardo a un periodo di quattro settimane a partire da metà ottobre mostra che il presidente Trump e i primi 25 super diffusori di disinformazione fraudolenta degli elettori rappresentavano il 28,6% delle interazioni che le persone avevano con quel contenuto, secondo un’analisi di Avaaz.

“Quello che vediamo fare queste persone è un po’ come appiccare un fuoco con il carburante, è progettato per creare rapidamente un incendio”, ha detto il signor Quran. “Questi attori hanno costruito abbastanza potere da garantire che questa disinformazione raggiunga milioni di americani”.

Per trovare i super diffusori, Avaaz ha compilato un elenco di 95.546 post di Facebook che includevano narrazioni sulla frode degli elettori. Quei post sono stati apprezzati, condivisi o commentati quasi 60 milioni di volte da persone su Facebook.

Avaaz ha scoperto che solo 33 dei 95.546 post erano responsabili di oltre 13 milioni di quelle interazioni. Quei 33 post avevano creato una narrativa che avrebbe continuato a plasmare ciò che milioni di persone pensavano sulla legittimità delle elezioni statunitensi.

Un portavoce di Facebook ha detto che la società aveva aggiunto etichette ai post che rappresentavano in modo errato il processo elettorale e stava indirizzando le persone a un centro informazioni sul voto.

“Cogliamo ogni opportunità per mettere in contatto le persone con informazioni affidabili sulle elezioni e su come vengono conteggiati i voti”, ha affermato Kevin McAlister, un portavoce di Facebook. La società non ha commentato il motivo per cui gli account che condividono ripetutamente disinformazione, come quelli di Straka e Diamond and Silk, non sono stati penalizzati. Facebook ha già affermato che al presidente Trump, insieme ad altri funzionari eletti, viene concesso uno status speciale e non viene verificato.

Molti degli account superspreader hanno avuto milioni di interazioni sui loro post di Facebook nell’ultimo mese e hanno goduto di una crescita continua. Gli account erano attivi su Twitter e Facebook e diffondevano sempre più la stessa disinformazione sui nuovi siti di social media come Parler, MeWe e Gab.

Dan Bongino, un commentatore di destra con un seguito di quasi quattro milioni di persone su Facebook, ha avuto oltre 7,7 milioni di interazioni su Facebook la settimana del 3 novembre. Mark Levin, un conduttore radiofonico di destra, ha avuto quasi quattro milioni di interazioni e Diamond and Silk avevano 2,5 milioni. Una revisione delle loro pagine da parte del Times mostra che la maggior parte dei loro post si è concentrata sulle recenti elezioni e sulle storie di frode degli elettori intorno a loro.

Nessuno dei super diffusori identificati in questo articolo ha risposto alle richieste di commento.

Una delle false affermazioni più importanti promosse dai super diffusori è stata che il software di voto Dominion ha cancellato i voti per il signor Trump, o in qualche modo ha cambiato i conteggi dei voti in diversi stati oscillanti. I funzionari elettorali non hanno trovato prove che le macchine funzionassero male, ma i post sulle macchine sono stati ampiamente condivisi da Trump e dai suoi sostenitori.

Nell’ultima settimana, solo sette post dei primi 25 sostenitori della denuncia di frode degli elettori di Dominion hanno rappresentato il 13% delle interazioni totali su Facebook riguardo al reclamo.

Molti di quegli stessi account erano anche i massimi sostenitori delle affermazioni del Dominion e di altre teorie sulle frodi degli elettori su Twitter. I racconti del presidente Trump, di suo figlio Eric, del signor Straka e del signor Levin sono stati tutti tra i primi 20 account che diffondono disinformazione sulle frodi degli elettori su Twitter, secondo Ian Kennedy, un ricercatore dell’Università di Washington che lavora con le elezioni. Partenariato per l’integrità.

Il signor Trump ha avuto di gran lunga la maggiore influenza su Twitter. Un singolo tweet del presidente che accusa i sistemi di voto di Dominion di aver cancellato 2,7 milioni di voti a suo favore è stato condiviso oltre 185.000 volte e apprezzato oltre 600.000 volte.

Come le altre false affermazioni sulla frode degli elettori, il tweet di Trump includeva un’etichetta di Twitter secondo cui condivideva informazioni non accurate.

Twitter, come Facebook, ha affermato che queste etichette aiutano a prevenire la condivisione di false affermazioni e indirizzano le persone verso fonti di informazione più autorevoli.

All’inizio di questa settimana, BuzzFeed News ha riferito che i dipendenti di Facebook si sono chiesti se le etichette fossero efficaci. Secondo un dipendente di Facebook, all’interno dell’azienda, i dipendenti hanno cercato i propri dati sull’andamento dei giornali nazionali durante le elezioni.

Sull’hashtag #StoptheSteal, hanno scoperto che sia il New York Times che il Washington Post erano tra le prime 25 pagine con interazioni su quell’hashtag, principalmente da parte dei lettori che condividono articoli e utilizzano l’hashtag in quei post. (Le persone che hanno condiviso gli articoli avrebbero potuto avere l’intenzione di sfatare la campagna.)

Insieme, le due pubblicazioni hanno avuto circa 44.000 interazioni su Facebook con quell’hashtag. In confronto, il signor Straka, l’attivista conservatore che ha condiviso l’invito all’azione sulla frode degli elettori, ha ottenuto tre volte quel numero di interazioni condividendo materiale con lo stesso hashtag sul proprio account Facebook.

link all’articolo originale: TheNewYorkTimes.com

Condividi:

© 2012-2021 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?