Quasi tutto ciò che Trump ha detto dopo il giorno delle elezioni è sbagliato

trump clown

Il presidente Donald Trump ha trascorso gran parte dell’anno gettando le basi per la strategia di disonestà concertata che ha schierato nelle ore successive al giorno delle elezioni.

In primo luogo, mesi fa, ha iniziato a descrivere ambiguamente le schede elettorali per corrispondenza come piene di frodi. In secondo luogo, ha affermato subdolamente che i governatori democratici a cui non piace sono incaricati del conteggio dei voti. Terzo, ha falsamente sostenuto che c’è qualcosa di nefasto e forse addirittura illegale nella normale pratica di contare i voti dopo il giorno delle elezioni.

Tutte queste sciocchezze, le dozzine di bugie relative al voto che abbiamo dovuto sfatare più e più volte, sembravano essere al servizio di questo momento attuale – un’elezione ravvicinata in cui poteva provare a trasformare i semi del dubbio, che aveva sistematicamente piantato nella mente dei sostenitori, per il rifiuto totale della sua possibile sconfitta.

Trump ha lanciato il piano in azione nelle prime ore di mercoledì mattina, pronunciando un discorso selvaggiamente impreciso alla Casa Bianca in cui ha affermato senza fondamento di aver già vinto e ha affermato senza fondamento che fosse stata perpetrata una frode contro di lui. Poi si è ritirato su Twitter – su cui quasi tutto ciò che è stato detto per il resto della giornata era sbagliato.
Quanto serialmente sbagliato? Alle 17:30 Twitter aveva apposto una sorta di etichetta di avvertenza per il controllo dei fatti su sei dei suoi tweet del mercoledì – e si potrebbe sostenere che alcuni degli altri meritassero lo stesso trattamento.

Trump ha twittato: “Stanno lavorando duramente per far sparire 500.000 voti in Pennsylvania – il prima possibile. Allo stesso modo, Michigan e altri!”
Falso. Le contee stavano semplicemente contando i voti. I voti per corrispondenza, che generalmente favorivano i democratici, venivano contati dopo il giorno delle elezioni in alcuni stati, come la Pennsylvania, perché i legislatori statali repubblicani non avrebbero permesso che il processo di conteggio iniziasse all’arrivo dei voti.

Trump ha twittato che “le discariche a sorpresa” stavano facendo “sparire magicamente” i suoi contatti iniziali nello stato chiave.
Falso. Non c’era “sorpresa” – i voti, ancora una volta, venivano semplicemente contati – e le schede non venivano effettivamente scaricate da nessuna parte. Quando gli osservatori politici twittano di “discariche”, non parlano di schede elettorali scartate. Piuttosto, si riferiscono a momenti in cui una grande quantità di voti conteggiati di recente viene immessa o “scaricata” nei totali pubblici.

Trump ha twittato: “Siamo GRANDI, ma stanno cercando di RUBARE le elezioni. Non glielo permetteremo mai. Non è possibile esprimere voti dopo la chiusura dei sondaggi!”
Ancora una volta: completamente falso. Nessuno stava cercando di rubare qualcosa; non c’erano prove di frodi elettorali. E i voti venivano semplicemente contati dopo la chiusura dei seggi, non espressi dopo la chiusura dei seggi.

Nel tardo pomeriggio di mercoledì, Trump ha tentato un inganno particolarmente debole: proclamando che “abbiamo rivendicato, ai fini del voto elettorale”, Pennsylvania, Georgia e North Carolina. (Gli Stati non sono di Trump a “rivendicare” tramite Twitter. I voti decidono chi li vince.) Trump ha poi aggiunto: “Inoltre, con la presente rivendichiamo lo Stato del Michigan se, in effetti, ci fosse un gran numero di schede elettorali di cui stato ampiamente segnalato! “

La CNN e altri media avevano già previsto che l’avversario di Trump, l’ex vicepresidente Joe Biden, avrebbe vinto il Michigan. (La Pennsylvania, la Georgia e la Carolina del Nord rimasero troppo vicine per essere convocate in quel momento.) E non c’erano prove di “un gran numero di schede elettorali segretamente disconnesse”, né lì né altrove; avrebbe potuto riferirsi a un errore di battitura di una contea del Michigan, corretto rapidamente, che sembrava dare a Biden voti extra.

Mercoledì non è stato solo Trump a fare affermazioni false. Come spesso negli ultimi quattro anni, è stato aiutato da un intero ecosistema di disinformazione pro-Trump.

Il figlio del presidente Eric Trump, l’addetto stampa della Casa Bianca Kayleigh McEnany e il responsabile della campagna Bill Stepien, tra gli altri alleati, hanno rilasciato dichiarazioni pomeridiane infondate che Trump aveva già vinto la Pennsylvania.
Matt Schlapp, presidente dell’Unione conservatrice americana e marito del consigliere senior della campagna di Trump Mercedes Schlapp, ha promosso una teoria del complotto senza fondamento che coinvolge l’Arizona, gli elettori di Trump e i pennarelli.
E l’avvocato di Trump Rudy Giuliani ha partecipato a un evento elettorale a Filadelfia durante il quale ha rilasciato una raffica di false dichiarazioni cospirative. I commenti di Giuliani erano così assurdi che li conserviamo per un fact check separato.

La disonestà è stata una caratteristica distintiva della presidenza Trump sin dall’inizio ed è stata una componente centrale della sua campagna di rielezione. Forse era giusto che, con il suo possibile traguardo verso 270 voti elettorali sempre più lontano, lui e i suoi surrogati si siano rivolti all’approccio che conosce meglio.

link all’articolo originale: CNN.com

Condividi:

© 2012-2021 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?