Vincitore CONTEST #vacanzesuvirgolette: Fabio Strinati – Castelluccio (Norcia)

“Castelluccio (Norcia) Mattino“ . Canon EOS 4000D 18-55 DC BLACK. A mano libera distante dall’occhio 10 cm/Bianco e nero.

“Castelluccio (Norcia) Pomeriggio“. Canon EOS 4000D 18-55 DC BLACK. A mano libera distante dall’occhio 10 cm/Bianco e nero.

“Castelluccio (Norcia) Momento indefinito“. Canon EOS 4000D 18-55 DC BLACK. A mano libera distante dall’occhio 10 cm/Bianco e nero.

Castelluccio (Norcia) è un luogo dove il tempo si mescola creando forme inaspettate. Un luogo per certi versi magico, laddove un rifiorire di sensazioni immediate assumono fisionomie a tratti tangibili, a tratti immateriali ed incorporee. Sentimenti insospettabili si rincorrono in rapide scorribande dove l’anima ogni volta scalpita rinnovandosi come quel fresco mattino che sorge all’alba donandoci una vita nuova, imprevedibili bellezze e cotanti misteri. Castelluccio (Norcia) è un luogo che sembra vivere al di fuori del tempo; il silenzio sembra asciutto, il vento si alterna a momenti di calma (apparente!) tanto che lo sguardo fa fatica a posarsi sulle cose e a scorgere attimi dietro a quei contorni che sembrano cambiare forma in un baleno. Le montagne che sono vetuste, antiche, perfettamente intatte nel loro stato d’animo vivo ed imponente…sono lo sfondo ideale per un paesaggio che produce stupefazione e sbigottimento ogni qual volta lo sguardo si appoggia su di esso. Il presente che si muove in maniera diligente, quasi danzando sulle punte attraverso movimenti ordinati, ponderati, e la macchina fotografica che persino si commuove quando inquadra bambini avvolti in tutto il loro splendore; occhi che rivelano alla vita la speranza vera, pura, il candore di chi la vita la sente palpitare dentro come un fuoco sempre acceso. Una signora anziana, che forse, pensa alla solitudine come a un luogo persino affascinante. Una dimensione da cui attingere nozioni per poter affrontare un cammino nuovo, o una vecchia strada, usata nel tempo…perché il tempo passa con eleganza, lasciando segni, tracce indelebili sia della vita che tanto amiamo, sia della morte che ancora non conosciamo.

Fabio Strinati

Condividi:

© 2012-2022 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?