The Plotters. Il Coro

Ben tornati all’ascolto di una nuova puntata della rubrica di musica, La Musica del Venerdì.

Anche quest’anno siamo arrivati alla settimana di Natale e diversamente dal solito, per me non è stato difficile ideare la puntata, infatti, per farvi gli auguri, ho invitato addirittura un coro. Il loro nome è The Plotters, formazione che conosco da qualche anno, grazie ad una amica che ci canta. Hanno una storia particolare, infatti sono un coro aziendale e per fare le prove ogni giorno, sacrificano la pausa pranzo.

Abbiamo contattato il Direttore, il maestro Marco Schunnach, che ha gentilmente acconsentito a rispondere ad alcune domane.

Come è nata l’idea di un coro aziendale?

L’idea è nata da alcuni dipendenti che hanno scoperto la passione comune per la musica corale, i quali mi hanno proposto questa bella avventura…come dire di no??

In tutti i posti di lavoro ci sono persone che vanno d’accordo e altre che proprio non si possono vedere, ti stupisce vedere situazioni di antipatia palese, poi collaborare con armonia e grazia nel tuo coro?

Questa è la magia della musica, unire persone diverse, con gusti, caratteri, esigenze ma anche età, origini, colori e lingue diverse: la musica unisce, soprattutto la musica corale, dove a fondersi sono le nostre voci, una delle cose più intime che abbiamo, messe a servizio comune!

Come si svolgono le audizioni per l’ingresso nell’organico?

Prima dell’inizio della prova, si svolgono le audizioni: qualche breve vocalizzo per testare estensione vocale, intonazione e senso ritmico, poi faccio cantare 1-2 brani a scelta, così l’aspirante corista può finalmente lasciarsi andare.

Da dove deriva il nome The Plotters?

Facciamo le prove durante la pausa pranzo nella sala in cui sono presenti le grosse stampanti aziendali, chiamate appunto plotters, l’assonanza con il celeberrimo gruppo dei Platters era troppo ghiotta per non approfittarne!!

 

A questo punto non mi rimane che farveli ascoltare:

con il brano di Mariah Carey, del 1994 “All I want for Christmas is you”

e con il classico anni ’50 “White Christmas”

 

Signore e Signori

ecco a Voi

The Plotters

Buon ascolto, buon Venerdì ed ovviamente Buon Natale

 

Fabrizio Savelli

Condividi:

© 2012-2022 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?