Start up for life – oltre i 40 si può

Finalmente! Per la prima volta un progetto di start si rivolge agli over 40. Pensato per persone con esperienza, che hanno idee e competenze e vogliono rimettersi in gioco, reinventarsi e ricominciare.

In cosa consiste?
Si cercano progetti per promuovere la creazione di nuova impresa nel settore dell’alimentazione e dell’agricoltura sostenibile.
L’ambizione è quella di sviluppare le idee e valorizzarle, tra persone con esperienza per far nascere, crescere e consolidare un’idea imprenditoriale.
Dal 1 maggio è stata aperta questa possibilità, c’è tempo fino al 31 luglio per poter inviare i propri progetti.
Con il sostegno di Bayer, in collaborazione con Ameri Communication, Confindustria Genova, Associazione italiana degli investitori informali in Rete, Italian Business Angels Network Association.

Possono presentare il progetto gruppi di persone o persone singole con età superiore ai 40 anni e che abbiano un’idea imprenditoriale da realizzare nei seguenti settori:
– crop science
– agroalimentare
– tutela dell’ambiente e del territorio.
Con l’obiettivo di:
– valorizzare e promuovere il territorio
– promuovere la salute e la sicurezza alimentare
– sviluppare l’innovazione tecnologica, organizzativa e sociale attraverso l’Information and Communication Tecnology (ICT).

I progetti selezionati e vincitori ad ottobre 2016, saranno presentati agli inventori e alle aziende.
Il punteggio totale è 100, ogni caratteristica richiesta avrà al massimo un punteggio di 20.
In particolare saranno valutati i seguenti criteri:

1. Valore dell’idea
(quanto è utile alla collettività?
Quali benefici?)

2. Contributo innovativo (è una proposta originale rispetto al territorio o al mercato di riferimento?)

3. Qualità del team (quanto sono motivati i proponenti? Sono presenti esperienze personali e professionali specifiche coerenti con la proposta?)

4. Creazione di nuovo lavoro (l’iniziativa produce nuovi posti di lavoro? Sono duraturi nel tempo? Applicabili nel medio e lungo periodo?)

5. Coerenza rispetto agli ambiti indicati

Come si partecipa?
Si compila la domanda on line su www.startup4life.it
Definendo in sintesi il progetto, quale è il team, a chi si rivolge, quale problema si affronta e va specificato perché la soluzione proposta è innovativa rispetto a quelle già esistenti.

Questa iniziativa rappresenta una grande possibilità per chi è uscito dal mercato del lavoro, trova difficoltà a rientrare e ha buone idee da condividere per favorire la creazione di posti di lavoro e ha intenzione di salvaguardare l’ambiente.

Bisognerà tener conto di un aspetto importante, quale la spendibilità del progetto a livello sociale.

1- rappresenta un’opportunità di business?
2- crea posti di lavoro?
3- che tipi di tecnologie, prodotti servizi o processi verranno realizzati per risolvere il problema?
4- rispetto ad un’offerta già esistente, per quale motivo si ritiene siano innovativi?

Non è da sottovalutare il fatto che i progetti saranno visionati e presentati a possibili investitori, i quali potrebbero essere ex-titolati di impresa, manager in attività o in pensione; persone che dispongono di mezzi finanziari, di una buona rete di conoscenze, di una solida capacità gestionale e di un buon bagaglio di esperienze.
(Da rileggere articolo su venture capital)

Forza ragazzi! Le buone idee ci sono sempre, e in continua evoluzione.
Se l’idea è buona, si incontra un buon investitore che guarda oltre, perché non tentare?
40enni non vuol dire sempre fuori mercato! Le idee buone ci sono, condividiamole.

fonti:

www. bayer.it
www.iban.it
www.americomunicazione.it
www.clubdegliinventori.it
www.investoinitalia.it
www.startupforlife.it

 

Sabrina Mattia

Condividi:

© 2012-2021 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?